Caso Scuto, Cassazione annulla con rinvio condanna Assolto definitivamente per l’espansione a Palermo

Colpo di scena. Ancora uno. I giudici della seconda sezione della corte di Cassazione hanno annullato con rinvio la sentenza di condanna a otto anni di Sebastiano Scuto, l’imprenditore 75enne giudicato colpevole dalla corte d’Appello di Catania per associazione mafiosa. Saranno quindi dei nuovi togati a dovere analizzare le prove a carico di Scuto che da Roma porta a casa anche l’assoluzione dall’accusa di avere fatto affari con Bernardo Provenzano. L’espansione palermitana a braccetto con Cosa nostra era al centro del ricorso della procura generale che però è stato rigettato dalla Cassazione. Entusiasti i legali dell’uomo d’affari. Gli avvocati Giovanni Grasso, Franco Coppi e Guido Ziccone parlano in coro di «grande soddisfazione per il risultato ottenuto». I giudici hanno stabilito, come si legge nell’ordinanza, che nel nuovo processo bisognerà esprimersi «limitatamente alla data di consumazione del reato, al trattamento sanzionatorio e alla confisca». 

Passata la pronuncia dei giudici ermellini, il capitolo precedente della storia giudiziaria dell’imprenditore risale ai primi giorni di ottobre dello scorso anno. È durante una giornata tipicamente autunnale che Scuto viene condannato dalla corte d’Appello per associazione mafiosa a otto anni. Una sentenza più lieve rispetto a quella, sempre in secondo grado, di 12 anni che gli viene comminata ad aprile 2013In mezzo c’è il primo passaggio in Cassazione che, come l’ultimo e definitivo di oggi, dispone l’annullamento della condanna il e rinvio a un nuovo collegio di giudici etnei.

Per rintracciare le fondamenta di questa storia, almeno quella che si è svolta dentro le aule di giustizia, bisogna andare ancora più indietro nel tempo. Nel 2012 il processo di primo grado si conclude con la condanna a quattro anni e otto mesi, pronunciata undici anni dopo l’arresto del 2001. Periodo, quello a cavallo del nuovo millennio, che comincia con il rischio concreto che il processo non si sarebbe mai celebrato. La procura etnea aveva infatti chiesto l’archiviazione del caso, ricevendo però la risposta negativa del giudice per l’indagine preliminare. L’inchiesta viene quindi avocata dalla procura generale che rileva «inerzia e mala gestio» nel lavoro dei magistrati catanesi. Da un lato c’è l’allora procuratore capo Mario Busacca che sminuisce la consistenza degli indizi, dall’altro il magistrato Niccolò Marino che denuncia pressioni, da parte dei suoi stessi colleghi, e ritardi nella fase investigativa. Un caso che spacca l’ufficio giudiziario etneo e si consuma anche mediaticamente.

Il cognome di Scuto è legato senza mezzi termini alla sua creatura, ormai fallita: il colosso della grande distribuzione Aligrup spa. Società che l’imprenditore ha fondato nella sua città, San Giovanni La Punta. Una vera e propria macchina da soldi che nei primi anni del 2000 è valutata attorno ai mille miliardi di lire, con 1.600 dipendenti e un indotto che ne impiega quattromila. Dietro tutto questo, secondo l’accusa, ci sarebbe stato un vorticoso riciclaggio di soldi da parte del clan mafioso dei Laudani


Dalla stessa categoria

I più letti

Per la seconda volta i giudici ermellini hanno stoppato il giudizio della corte d'Appello di Catania. L'imprenditore 75enne, che tornerà per la terza volta a processo, non è stato riconosciuto colpevole di avere fatto affari nella Sicilia orientale con Bernardo Provenzano. Grande soddisfazione del suo collegio difensivo

Per la seconda volta i giudici ermellini hanno stoppato il giudizio della corte d'Appello di Catania. L'imprenditore 75enne, che tornerà per la terza volta a processo, non è stato riconosciuto colpevole di avere fatto affari nella Sicilia orientale con Bernardo Provenzano. Grande soddisfazione del suo collegio difensivo

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]