Caso Naro, minorenne faceva lavoro sporco a 40 euro «Inaudito dire che tutto lo Zen sia abitato da mostri»

Adesso si chiama quartiere San Filippo Neri, molti lo conoscono come Zen e Zen 2. I due quartieri popolari di Palermo in questi giorni sono sotto assedio dai carabinieri. Un minorenne proprio di quella zona avrebbe ucciso Aldo Naro all’interno del locale del Goa. Il presunto assassino giorni fa si è presentato alla Malaspina e confessato il reato. Lui era lì non per divertirsi ma per lavorare assieme a un suo amico, sempre dello Zen. Figlio di un boss mafioso da anni all’ergastolo. Stando alle dichiarazioni del minorenne, per 40 euro facevano il lavoro sporco nel locale. Evitavano di far scavalcare i ragazzi del quartiere all’interno del club. Sedavano risse. Ma quel giorno c’è scappato il morto. Un giovane di buona famiglia, laureato in Medicina. Dalla discoteca Goa non rilasciano dichiarazioni, «perché ci sono indagini in corso». 

L’opinione pubblica in queste ore sta col dito puntato su tutto il quartiere. Lo Zen alla forca. Ma i residenti non ci stanno a questa denigrazione mediatica. In quel quartiere che da anni è una zona franca di Palermo, vittima della mala politica, domani, 20 febbraio, alle 21 ci sarà una fiaccolata – la seconda dopo quella di ieri in centro – che partirà dalla chiesa di San Filippo Neri e si concluderà proprio all’ingresso del Goa. 

«L’assassino dovrà pagare le sue colpe. Ma è inaudito riuscire a pensare che un intero quartiere popolare è abitato da mostri – afferma Elena, abitante dello Zen – Posso garantire che il nostro quartiere con i mille problemi irrisolti ha cuore e dignità. Noi tutti siamo vicini alla famiglia di Aldo Naro. Sono convinta che chi ha ucciso il giovane medico non voleva farlo. Purtroppo – continua la residente – ho assistito ad un sacco di risse. Questa volta è finita in tragedia. Ma le liti notturne avvengono per complicità anche dei proprietari dei locali. Dell’eccessivo consumo di alcool. Di una sicurezza quasi inesistente. Tutto questo non esula che chi ha sbagliato, la legge dovrà punirlo. Ma allo Zen non esistono dei mostri. Esiste magari ignoranza. Ragazzi problematici. Ma non dei mostri».

Della stessa lunghezza d’onda è la presidentessa di Laboratorio Zen Insieme, la più antica associazione di volontariato del quartiere Zen 2, Mariangela Di Gangi. «Quella a cui stiamo assistendo in questi giorni è una colpevole generalizzazione, che non serve ad altro che a rafforzare un pregiudizio già esistente, nel migliore dei casi. Ciò che troviamo assurdo è come si sia voluto spostare il dibattito su una questione che, invece, non appare direttamente connessa all’accaduto, volendo focalizzare l’attenzione non soltanto sui soggetti coinvolti, ma su un intero quartiere». 

Con le conseguenze che questo comporta. «Non ci si può non rendere conto – continua Di Gangi – di come questa ulteriore ghettizzazione mediatica abbia dei risvolti concreti sulle vite delle persone che in un quartiere complicato come lo Zen ci vivono e che provano ad emanciparsi quotidianamente da una condizione di marginalità, cui sono costretti e che non hanno scelto. Lo Zen è Palermo e di Palermo si deve parlare. Mentre quello che traspare dal dibattito di questi giorni è una sorta di esorcizzazione da parte del resto della città, che con una dura invettiva, a tratti anche violenta, contro un pezzo della propria città, prova solo a lavarsi la coscienza e a ribadire distanze che non dovrebbero esistere».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il ragazzo che ha confessato di aver ucciso Aldo Naro, avrebbe lavorato al Goa in una rete non ufficiale di buttafuori insieme ad altri ragazzi del quartiere, tra cui il figlio di un boss all'ergastolo. Intanto abitanti e volontari che operano allo Zen si difendono: «La città si sta scagliando contro un pezzo di se stessa per lavarsi la coscienza»

Il ragazzo che ha confessato di aver ucciso Aldo Naro, avrebbe lavorato al Goa in una rete non ufficiale di buttafuori insieme ad altri ragazzi del quartiere, tra cui il figlio di un boss all'ergastolo. Intanto abitanti e volontari che operano allo Zen si difendono: «La città si sta scagliando contro un pezzo di se stessa per lavarsi la coscienza»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]