Caso Mered, la difesa punta su una testimonianza È di un eritreo comprato dal vero trafficante in Libia

«Abbiamo chiesto di depositare dei nuovi atti che sono alla Procura di Roma, i pm ovviamente si sono opposti», lo spiega Michele Calantropo, legale dell’uomo detenuto al Pagliarelli e accusato di essere Medhanie Yedhego Mered, uno dei più pericolosi boss della tratta di esseri umani, ma che dichiara invece di essere l’eritreo Medhanie Tesfamarian Berhe, vittima di un clamoroso scambio di persona. Tutto rinviato a gennaio quindi, il collegio dovrà decidere nel frattempo se ammettere le nuove prove raccolte dalla difesa.

Tra i documenti che dovranno essere esaminati c’è il verbale d’interrogatorio reso da un eritreo detenuto nel carcere di Rebibbia a Roma, che ha ricostruito dettagliatamente il viaggio affrontato per giungere in Italia. Viaggio che, secondo il racconto e da quanto verificato anche dagli inquirenti, si interrompe quasi subito. L’uomo viene infatti sequestrato da un gruppo di miliziani, che lo rinchiude insieme a una trentina di altri malcapitati all’interno di un rudimentale carcere a Grumbli, in Libia. Per sfuggire alle torture dei sequestratori, i familiari di ogni migrante devono sborsare un riscatto di 1.200 dollari, ma chi non ha alle spalle nessun parente disposto a farlo, è costretto a contattare un trafficante referente, per chiedergli di fare da garante: serviva, insomma, qualcuno disposto a pagare per liberarlo. Per passare, in realtà, da una prigionia a un’altra, divenendo sostanzialmente una merce nelle mani del boss di turno, che lo costringe a collaborare all’organizzazione criminale per pagarsi la tratta via mare.

Il trafficante che si prende in carico l’eritreo è proprio Medhanie, secondo la ricostruzione riportata: «Io sono stato fortunato che Jamal Musa e Medhanie hanno comprato la mia vita, di tanta gente non si è saputo più nulla», si legge nelle carte dell’interrogatorio avvenuto a Roma il 15 maggio dell’anno scorso. Gli inquirenti hanno mostrato al detenuto delle fotografie, in due di queste ha riconosciuto Jamal Musa, «l’uomo che venne a pagare la nostra scarcerazione a Grumbli, è lui che ci ha consegnato a Medhanie». Nella seconda immagine riconosce quest’ultimo, descrivendolo come «un re in Libia», uno molto rispettato e «forse l’unico che si può permettere di andare in giro con un crocifisso al collo. Aveva sempre al seguito due telefoni – si legge nel verbale – uno per lavoro e uno personale». Le foto riportate nel resoconto dell’interrogatorio mostrano in maniera evidente le differenze fra il boss riconosciuto dal detenuto eritreo come Medhanie e l’uomo attualmente rinchiuso al Pagliarelli di Palermo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]