Caronia, verifiche sui ritrovamenti di resti umani e abiti «Quasi certamente di Gioele ma serve riconoscimento»

Sarebbero di un bambino i resti umani ritrovati poco fa tra le campagne di Caronia da un carabiniere in congedo in una zona a poche centinaia di metri dal traliccio in cui è stato trovato, lo scorso 8 agosto, il corpo di Viviana Parisi. L’ex militare è uno dei volontari che questa mattina ha risposto all’appello di Daniele Mondello, il padre del piccolo Gioele, per continuare le ricerche per il diciassettesimo giorno dopo la scomparsa. Al momento è in corso un sopralluogo per effettuare delle verifiche per stabilire se si tratta dei resti del corpo di Gioele. Si tratterebbe di un corpicino martoriato e non riconoscibile. Adesso, dovrebbe toccare ai familiari fare il riconoscimento ufficiale anche se potrebbe servire  pure l’esame del dna.

«È stato un dono di Dio», ha commentato Giuseppe Di Bello, il carabiniere in congedo di 55 anni di Capo d’Orlando che ha ritrovato i resti umani di un bambino che «quasi certamente» è Gioele. «L’ho trovato dove gli altri non lo hanno cercato», ha aggiunto Di Bello spiegando di aver fatto il ritrovamento alle 10.28 e che il corpicino era «straziato da animali selvatici». In quella vasta e impervia zona boschiva da oltre due settimane sono impegnati nelle ricerche oltre cento persone: vigili del fuoco, protezione civile, poliziotti, finanzieri, volontari, carabinieri del reparto cacciatori di Sicilia con droni e cani specializzati addestrati nella ricerca di resti umani e anche l’esercito.

Sul posto il procuratore capo di Patti Angelo Cavallo, la polizia scientifica, i vigili del fuoco del Sapr e anche il geologo forense incaricato dalla procura. Oltre ad alcuni resti ossei (una parte del tronco e un femore) e un ciuffo (che potrebbero essere capelli ma anche di peli di animali selavatici) sarebbe stata ritrovata anche una magliettina che sarebbe compatibile con quella indossata dal piccolo al momento della sparizione dopo l’incidente stradale lungo l’autostrada Messina-Palermo avvenuto lo scorso 3 agosto. 

Dopo diverse ore dall’inizio del sopralluogo, a decine di metri di distanza dal tronco e dagli altri resti ossei, tra i cespugli a valle della collina di Caronia a circa 200 metri dall’autostrada Messina-Palermo, sarebbe poi stata trovata anche la testa che però sarebbe già in stato di decomposizione e anche sfigurata. Resti sparsi ritrovati in diversi punti: per gli inquirenti una delle ipotesi più valide è che il corpo sarebbe stato trascinato da animali (cani o cinghiali) che avrebbero trascinato e smembrato il piccolo cadavere che per gli investigatori «è al 99 per cento quello di Gioele». 

Secondo gli investigatori, dunque, sarebbe «quasi certamente» del piccolo Gioele il corpo ritrovato poco fa nelle sterpaglie «ma per la certezza è necessario aspettare il riconoscimento». Intanto, sul posto del ritrovamento è arrivata anche la medica legale Elvira Spagnolo. È stata lei a eseguire l’autopsia sul corpo di Viviana Parisi, la madre del piccolo. Esame autoptico che, finora, non è stato in grado di escludere nessuna ipotesi sulle cause della morte.

Erano stati i tanto cercati turisti del Nord Italia, qualche giorno fa, a dare la conferma del fatto che «il piccolo Gioele era vivo dopo l’incidente stradale». La coppia di coniugi si è presentata in una caserma dopo avere capito che gli appelli del procuratore e degli investigatori erano rivolti proprio a loro. «Il bambino aveva gli occhi aperti ed era in braccio alla madre con il viso appoggiato sulla spalla destra – hanno raccontato marito e moglie – in posizione verticale e senza alcuna ferita né sangue». I due turisti hanno inoltre precisato che «la donna camminava velocemente ma non correva. Riteniamo – hanno aggiunto – che non fosse seguita». Testimonianze ritenute attendibili dal pubblico ministero.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]