Foto di Aeroporto Internazionale di Palermo Falcone Borsellino

Caro voli, perché le ritorsioni delle compagnie aeree risparmiano (per ora) la Sicilia

Il tanto atteso decreto da parte del governo nazionale per calmierare i prezzi delle compagnie aeree verso le isole maggiori è arrivato un mesetto fa e con lui l’immancabile strascico di polemiche. In primis da parte delle compagnie aeree che, sentendosi sotto scacco, hanno reagito in maniera piuttosto scomposta, chi criticando con ironia, chi proprio bocciando il provvedimento di Roma. Come Ryanair che ha parlato di imposizioni «illegali» riferendosi ai tetti tariffari stabiliti dal governo, accusato dalla compagnia irlandese di remare contro, mentre loro investono sull’Isola e specificando che questo li avrebbe portati a tagliare nuove rotte da e verso la Sicilia e la Sardegna.

Promessa debito per quanto riguarda i sardi, che hanno visto ridursi nel periodo invernale – difficilmente Ryanair prenderebbe la stessa decisione durante l’estate – le rotte dell’8 per cento, con tre voli cancellati e diverse altre rotte depotenziate. Un destino che sembra volere seguire anche EasyJet, che ha preannunciato un calo degli investimenti e ha chiesto un incontro con il ministro Urso e persino WizzAir, che al momento ha solo contestato la norma governativa, invitando l’esecutivo a ripensarci.

E la Sicilia? Al momento, l’unico effetto è quello del depotenziamento della tratta che collega Catania a Cagliari, ma più per sgarbo ai cugini sardi che nei confronti dei siciliani. Il motivo per cui ancora non ci sono state ripercussioni sui voli che collegano la Sicilia è presto detto e ha radici che affondano nella storia recente della telenovela caro voli: l’uscita polemica di Ryanair da Comiso. Neanche il tempo di chiudere l’angar del piccolo scalo nel Ragusano, infatti, le rotte sono state subito riassegnate a AeroItalia, la compagnia aerea invitata in Sicilia dal governo regionale, che ha forzato la propria programmazione accelerando l’inizio delle attività su Comiso, che ancora non era previsto in tempi brevi.

Nel braccio di ferro tra compagnie aeree, governo nazionale e governo regionale, tutti sanno che in Sicilia rinunciare a uno slot potrebbe significare perderlo. E farlo a Palermo o a Catania potrebbe essere una mossa quanto mai azzardata. Sono infatti due degli aeroporti che, dalla fine dell’emergenza Covid, hanno avuto la crescita maggiore in Italia per quello che riguarda il traffico aereo. Con l’ultima estate che ha segnato numeri da record, nonostante le tante difficoltà vissute, in particolare dallo scalo catanese bloccato per settimane da un incendio. Insomma, lasciare l’isola è un passo che merita almeno una lunga riflessione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]