Foto di 👀 Mabel Amber, who will one day da Pixabay

Le capre di Alicudi cercano casa: dal piano della Regione agli animalisti, le risposte del sindaco

Una volta ad Alicudi le capre non c’erano. Circa vent’anni fa degli allevatori hanno introdotto alcuni esemplari domestici sull’isola, non tutti però sono restati nei recinti. Alcune capre, infatti, sono riuscite a fuggire, ambientandosi nella parte alta e meno popolata di Alicudi. Da allora hanno iniziato a riprodursi, aumentando il loro numero in maniera esponenziale. Dall’ultimo monitoraggio – effettuato anche con l’aiuto di droni – sono stati contanti circa 600 esemplari. Il numero nudo e crudo potrebbe anche non dire nulla, ma assume un altro significato se paragonato a quello delle persone che abitano l’isola: ad Alicudi vivono circa cento persone. Sei capre per ogni abitante.

Le capre di Alicudi fanno parte del paesaggio e della storia recente dell’isola. Alcune tra le persone che arrivano sul posto per turismo percorrono i sentieri vulcanici di Alicudi per andare a vedere queste capre, provando ad avvicinarle e a fotografarle. Per le persone che abitano l’isola, però, queste capre sono da tempo un problema: rovinano i tipici muretti a secco, mangiano le piante e a volte gironzolano attorno alle case. Per questo motivo l’amministrazione comunale di Lipari – da cui Alicudi dipende – ha pubblicato un bando per «l’alienazione gratuita delle capre». La proposta del sindaco di Lipari, Riccardo Gullo, prevede di regalare le capre di Alicudi agli allevatori che ne facciano richiesta. Ogni richiedente può ricevere fino a 50 capre. Il bando – scaduto lo scorso 10 aprile – ha raccolto moltissime adesioni, anzi troppe: le richieste sono state 25, per un totale di 1900 capre. Più di tre volte rispetto a quelle presenti sull’isola.

L’11 aprile il dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale ha comunicato che affiderà a una ditta specializzata «la cattura e la costruzione di appositi recinti in aree già individuate dell’isola per contenere il bestiame che, dopo i controlli sanitari da parte del servizio veterinario dell’Asp, sarà donato agli allevatori che ne hanno fatto richiesta partecipando al bando pubblico». «Il numero sproporzionato di capre selvagge sull’isola – dice l’assessore regionale all’Agricoltura, Luca Sammartino – sta creando non pochi problemi all’incolumità delle persone, senza contare i danni causati quotidianamente». Ancora incerti, però, i tempi di intervento.

«I tempi di trasporto delle capre alle persone che se le sono aggiudicate dipendono dalla ditta che le catturerà», dice a MeridioNews il sindaco di Lipari. Ma per l’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa) il problema è proprio questo: la cattura. «Il bando l’abbiamo letto bene e non viene detto come verranno catturate le capre», dice al nostro giornale Lorenzo Croce, presidente Aidaa. «Abbiamo cercato il sindaco, ma non ci ha risposto. Gli abbiamo lasciato il nostro numero e chiesto gentilmente di richiamare, ma non l’ha mai fatto. Noi andiamo avanti per la nostra strada». Oltre al modo in cui le capre dovrebbero essere prelevate, quello che non convince l’associazione animalista è il distacco «dal loro habitat di animali selvatici, abituati a vivere in un’isola di cui conoscono perfino i sassi». Per questo Aidaa propone delle alternative, che presenterà all’amministrazione di Lipari. «Secondo noi ci sono due strade: la prima è l’alienazione parziale, non dando però le capre agli allevatori, bensì a dei santuari (luoghi protetti in cui animali in difficoltà possono vivere in libertà, ndr); l’altra soluzione è quella della sterilizzazione».

Croce si chiede «come queste capre verranno catturate, come verranno fatte dormire. Verranno trasportate su delle chiatte?». Rispetto alle proteste delle associazioni animaliste il sindaco di Lipari – sentito telefonicamente dal nostro giornale – dice che «è nel loro ruolo. Se non avessero contestato, non avremmo saputo della loro esistenza. Gli animalisti li sentiamo ora – continua Gullo – ma non li abbiamo visti quando i caproni scendono nell’abitato e si specchiano nei vetri delle case». Dal canto suo l’associazione dice che andrà «fino in fondo, non molleremo di un centimetro. Su questa vicenda si sta muovendo anche la Lav», cioè la Lega anti vivisezione. Uno dei timori di Aidaa è che qualcuno potrebbe anche macellare le capre, «cosa vietata dalla legge e dalle normative», dice Croce. «Se già mettessero che sono animali non DPA (non destinati alla produzione di alimenti, ndr), sarebbe un passo in avanti», dice il presidente di Aidaa. Nelle intenzioni dell’associazione c’è anche quella di impugnare il bando («che ne impugnino due o tre di bandi», dice nel frattempo Gullo sempre a MeridioNews), fino ad arrivare «alla denuncia penale. Abbiamo provato a contattarlo, ma non ci ha richiamato. Se il sindaco pensa che siamo dei cialtroni, pensa male. Noi non abbiamo bisogno della sua isoletta per dire che esistiamo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una volta ad Alicudi le capre non c’erano. Circa vent’anni fa degli allevatori hanno introdotto alcuni esemplari domestici sull’isola, non tutti però sono restati nei recinti. Alcune capre, infatti, sono riuscite a fuggire, ambientandosi nella parte alta e meno popolata di Alicudi. Da allora hanno iniziato a riprodursi, aumentando il loro numero in maniera esponenziale. […]

Una volta ad Alicudi le capre non c’erano. Circa vent’anni fa degli allevatori hanno introdotto alcuni esemplari domestici sull’isola, non tutti però sono restati nei recinti. Alcune capre, infatti, sono riuscite a fuggire, ambientandosi nella parte alta e meno popolata di Alicudi. Da allora hanno iniziato a riprodursi, aumentando il loro numero in maniera esponenziale. […]

Una volta ad Alicudi le capre non c’erano. Circa vent’anni fa degli allevatori hanno introdotto alcuni esemplari domestici sull’isola, non tutti però sono restati nei recinti. Alcune capre, infatti, sono riuscite a fuggire, ambientandosi nella parte alta e meno popolata di Alicudi. Da allora hanno iniziato a riprodursi, aumentando il loro numero in maniera esponenziale. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]