Operazione Chicane, a Caltanissetta dieci arresti e sequestri per frode internazionale

Un’organizzazione criminale con ramificazioni in Italia e in Repubblica Ceca. Si è concluso con delle sentenze di condanna il processo relativo all’operazione Chicane. L’indagine – conclusa nel 2022 – ha fatto scoprire alle forze dell’ordine una presunta frode fiscale da due milioni e mezzo di euro realizzata da un’associazione a delinquere nel mercato della compravendita e della distribuzione di pneumatici. L’associazione avrebbe avuto ramificazioni sia sul territorio italiano sia su quello delle Repubblica Ceca. L’indagine ha analizzato le attività della società Olpneus Srl di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. La guardia di finanza e i carabinieri hanno indagato su soggetti giuridici falsi che sarebbero stati creati in Repubblica Ceca per realizzare le frodi.

Si sarebbe trattato della cosiddetta frode carosello, un tipo di truffa che ha come obiettivo l’evasione dell’imposta sul valore aggiunto (Iva). In questo tipo di frode si mettono in atto una serie di passaggi di beni e di merci tra varie società di Stati diversi. Nella frode carosello che è oggetto dell’indagine vari operatori commerciali – coinvolti in ruoli e con posizioni diverse – avrebbero ottenuto un illecito risparmio sull’Iva. Il gruppo avrebbe simulato una serie di vendite di prodotti che in realtà non ci sarebbe mai stata: la merce, infatti, non sarebbe mai uscita dai magazzini della società venditrice. Sarebbero state coinvolte società ceche e società italiane, che poi si sarebbero rivelate delle società cartiere. Per società cartiera si intende una società utilizzata soltanto per produrre carte contabili, come copertura di attività illecite nei confronti del fisco.

In questo modo, sfruttando il regime di sospensione di imposta, la prima società venditrice avrebbe ottenuto detrazioni di imposta Iva e Ires – cioè l’imposta sul reddito delle società – che non le sarebbero spettate. Per ‘sospensione di imposta’ si intende la possibilità di acquistare beni e servizi senza ricevere addebito Iva nei limiti di un determinato importo. Il credito Iva, infatti, sarebbe nato da una serie di operazioni inesistenti, che sarebbero state certificate da fatture false. I volumi di affari delle vendite che non sarebbero mai state realizzate sono stati quantificati in circa 8 milioni di euro; le imposte evase – già sequestrate preventivamente all’inizio dell’indagine – ammonterebbero a circa 2,5 milioni.

I reati contestati – a vario titolo – alle persone imputate e poi oggetto della sentenza di condanna sono: associazione a delinquere finalizzata all’emissione e all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti ed emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Lirio Orlando – rappresentante legale della Olpneus Srl – è stato condannato a un anno, dieci mesi e dieci giorni di reclusione, così come Oto Santuori. Per Luigi Ragazzo un anno, nove mesi e 16 giorni, per Alessandro Stefano Rasola otto mesi, per Emanuele Santuori, Maria Pia Raccioppi, Vincenzo Menafro, Roberto Menafro e Carlo Ballarino cinque mesi e dieci giorni di reclusione.

Alle società sono state applicate sanzioni per la responsabilità amministrativa degli enti: 40mila euro e il divieto per quattro mesi e dieci giorni di pubblicizzare beni o servizi. Uno degli imputati – Andriy Kanya – era già stato condannato con il rito abbreviato. Nell’ambito di un altro filone – nato dalla stessa indagine – Lirio Orlando e il principale consulente fiscale della società Olpneus Srl, Marcello Maria Di Maggio, erano già stati condannati per false comunicazioni sociali rispettivamente a otto mesi e dieci giorni e a sette mesi. La società responsabile ha riconosciuto le contestazioni della guardia di finanza e dell’Agenzia delle entrate e ha provveduto a versare al fisco 2,5 milioni di euro, cioè l’intera somma che sarebbe stata evasa.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un’organizzazione criminale con ramificazioni in Italia e in Repubblica Ceca. Si è concluso con delle sentenze di condanna il processo relativo all’operazione Chicane. L’indagine – conclusa nel 2022 – ha fatto scoprire alle forze dell’ordine una presunta frode fiscale da due milioni e mezzo di euro realizzata da un’associazione a delinquere nel mercato della compravendita […]

Un’organizzazione criminale con ramificazioni in Italia e in Repubblica Ceca. Si è concluso con delle sentenze di condanna il processo relativo all’operazione Chicane. L’indagine – conclusa nel 2022 – ha fatto scoprire alle forze dell’ordine una presunta frode fiscale da due milioni e mezzo di euro realizzata da un’associazione a delinquere nel mercato della compravendita […]

Un’organizzazione criminale con ramificazioni in Italia e in Repubblica Ceca. Si è concluso con delle sentenze di condanna il processo relativo all’operazione Chicane. L’indagine – conclusa nel 2022 – ha fatto scoprire alle forze dell’ordine una presunta frode fiscale da due milioni e mezzo di euro realizzata da un’associazione a delinquere nel mercato della compravendita […]

Un’organizzazione criminale con ramificazioni in Italia e in Repubblica Ceca. Si è concluso con delle sentenze di condanna il processo relativo all’operazione Chicane. L’indagine – conclusa nel 2022 – ha fatto scoprire alle forze dell’ordine una presunta frode fiscale da due milioni e mezzo di euro realizzata da un’associazione a delinquere nel mercato della compravendita […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]