Calcio a 5, Meta Catania battuta in casa della Came Dosson. I rossazzurri passano in vantaggio, ma subiscono la rimonta

Una partita forse nata male e finita peggio. Una Meta Catania Bricocity che ha giocato e a tratti anche dominato, ma tra sprechi e grandi parate di Ricordi deve tornare senza punti dalla trasferta sul campo di una Came Dosson cinica, spietata e vincente.

Finisce 5-2 per i padroni di casa la sfida del campionato di Serie A di calcio a 5, che ha visto i rossazzurri tornare a bocca asciutta.

La cronaca: Tarantino si scontra con il forfait di Tornatore e Vaporaki e le non ancora perfette condizioni di Alex Garcia. Gara importante tra due squadre con grandi prospettive e partita per testare il salto di qualità in più in classifica. Scontro tra una Came Dosson con due vittorie e un pareggio conquistati in casa e una squadra rossazzurra con il vizio dei punti pesanti in campo esterno con sette punti conquistati nelle quattro gare giocate fuori casa.

Partenza a buon ritmo e primi brividi, dopo cinque minuti, con la botta di Grippi deviata d’istinto sopra la traversa da Dovara e ripartenza pericolosa di Bocao, che sfiorava il gol. Un minuto dopo slalom perfetto di Podda ma Ricordi, ex di turno, chiudeva lo specchio al giocatore della Meta Catania. Al settimo, Bocao ringraziava Dener, che tutto solo sprecava un gol fatto davanti al portiere etneo. Ricordi parava tutto e, dopo un’azione travolgente di Giovanni Pulvirenti, il portiere della Came Dosson chiudeva in maniera decisiva anche su Alonso. Dominio della Meta Catania che si concretizzava, finalmente a metà primo tempo, con il solito travolgente Pulvirenti che sfondava centralmente, dialogava con Nelson Lutin, prima di chiudere il triangolo per il gol del vantaggio. Dal possibile raddoppio etneo al colpo improvviso di Galliani, che su un pallone vagante si avventava con il piattone pescando il palo-gol sulla sinistra di Dovara. A sette dalla fine, Musumeci su palla inattiva, per due volte, sfiorava il raddoppio per i rossazzurri. Mancavano cinque minuti a metà partita quando è arrivato il vantaggio della Came Dosson, con Dovara sfortunato e il tiro di Azzoni che prima finiva sul palo e poi sulla schiena del portiere rossazzurro con il pallone in rete e il gol del 2-1 dei padroni di casa. Prima frazione di gioco che si chiudeva persino con la terza rete dei padroni di casa, in gol con Grippi, che in cinque minuti ribaltavano il dominio della Meta Catania dei primi 15 minuti di gioco fermato anche dalle parate di Ricordi.

Nella ripresa, gara nervosa e combattuta fin dai primi minuti. Il primo intervento ancora di Ricordi, un muro, sul destro di Pulvirenti respinto in angolo. Al quarto però arrivava lo squillo della formazione di Tarantino, grazie al tiro di Bocao dalla distanza, con Ricordi disturbato da Musumeci e pallone in gol: 3-2 e gara riaperta. Al sesto contropiede sprecato dalla Meta Catania e ripartenza che poteva diventare letale con Grippi, ma Dovara chiudeva due volte lo specchio. Un minuto più tardi super azione spettacolare della Meta Catania, tutta di prima con circolazione perfetta a trovare l’assist al bacio per Musumeci, che tutto solo al volo sciupava il possibile pareggio. Straordinari ancora per Ricordi, che si esaltava contro la sua ex squadra e riusciva a respingere anche la bordata di Silvestri. Come nel primo tempo, Ricordi parava tutto alla Meta Catania e invece la Came Dosson segnava. Rete del nuovo più due che arrivava da un altro ex, Azzoni, che in diagonale sorprendeva Dovara: 4-2. Reazione della formazione di Tarantino sul destro di Messina, che buttava alle stelle un’altra buona occasione. Came Dosson sempre pericolosa dai tiri dalla media distanza, ma Dovara era presente. Nei minuti finali occasioni su occasioni per i padroni di casa, che sfioravano più volte il colpo del ko. Tarantino giocava la carta power play a quattro dalla fine, ma la fase difensiva della Came Dosson era perfetta e il giro di palla rossazzurra troppo compassato. Le occasioni di Alonso e Nelson Lutin si perdevano e la Meta Catania Bricocity masticava amaro al suono della sirena finale, con il piattone di Grippi a castigare un punteggio troppo pesante.

Il tabellino della gara:

CAME DOSSON-META CATANIA 5-2 (3-1 p.t.)

CAME DOSSON: Ricordi, Dener, Juan Fran, Vieira, Grippi, Belsito, Galliani, Di Guida, Perazzetta, Azzoni, Botosso, Gavioli. All. Rocha

META CATANIA: Dovara, Pulvirenti, Alonso, Bocao, Musumeci, Podda, Messina, Silvestri, Lutin, Corallo, Licandri, Amato. All. Tarantino

MARCATORI: 9’29” p.t. Pulvirenti (M), 11’41” Galliani (C), 14’39” Azzoni (C), 18’37” Grippi (C), 3’18” s.t. Musumeci (M), 10’09” Azzoni (C), Grippi al 19,50 s.t.

AMMONITI: Galliani (C), Pulvirenti (M), Belsito (C), Lutin (M), Grippi (C), Bocao (M), Alonso (M)

ARBITRI: Davide De Ninno (Varese), Alessandro Cannizzaro (Ravenna) CRONO: Fabio Mavaro (Parma)


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]