Bush-Bin Laden-Hussein: il triangolo del terrore?

“Fahrenheit 9/11”, il film-documentario di Michael Moore, ha appena guadagnato la palma d’oro al Festival di Cannes. Fatto non indifferente, se si tiene in considerazione il fatto che Michael Moore – che era stato premio Oscar per “Bowling for Colombine” (altro tagliente documentario sulla vendita e la distribuzione delle armi negli Stati Uniti), lo stesso che aveva urlato “Vergogna, signor Bush!” durante una delle ultime cerimonie di consegna degli Oscar – nel suo ultimo lavoro prende di mira proprio Gorge W., accusato di aver costruito la guerra in Iraq per i propri interessi. Usa le maniere forti, Moore, non ci pensa due volte prima di affermare apertamente che “Bush non ha personalità. Non sostiene i soldati americani, li disprezza, e li ha messi in pericolo solo per riempire le tasche dei suoi amici e benefattori”. E non solo la guerra in Iraq, intrapresa nel nome della democrazia, -afferma il regista – ha avuto come unico motore gli interessi economici del presidente: la “campagna d’Afghanistan” immediatamente precedente aveva avuto gli stessi identici scopi. E anche lì a pagarne le conseguenze erano stati, fra gli altri, i soldati e le loro famiglie.
In effetti, che la famiglia Bush facesse affari con quella Bin Laden fino a qualche mese prima di quel maledetto settembre 2001, sembra essere molto più che un sospetto. Non è un segreto che il Salem Bin Laden, fratellastro di quell’Osama che lo stesso Bush si è impegnato a descrivere come lo sceicco del terrore, abbia investito nella compagnia petrolifera dei Bush, la Arbusto Energy, fino alla sua misteriosa morte in un incidente aereo (Giancarlo Radice, Corriere della sera). “Nell’assurdità violenta e drammatica di questa guerra condotta da Usa e Gran Bretagna contro il mio paese” ha dichiarato Mehmet, un profugo afgano, durante un dibattito che era stato organizzato dal comitato inglese contro la guerra in Afghanistan “c’è una cosa che rende ancora più tragico quello che sta accadendo: Bin Laden è un prodotto del vostro mondo, di quel mondo occidentale civilizzato che oggi spara missili contro la popolazione inerme e ridotta alla fame dell’Afghanistan”. E, chissà perché, nessuno parla più di quanto fossero stretti i rapporti fra il governo inglese, la Casa Bianca e i “guerrieri musulmani” impegnati a combattere i sovietici in Afghanistan negli Anni ’80. Da amici a nemici, i Bush e i Bin Laden.
E i rapporti con Saddam Hussein? Altrettanto controversi, pare. Amore e odio, anche in questo caso. La situazione si complica se due personalità del calibro di Hussein e Bin Laden decidono di allearsi, come si sospetta che sia successo. Che l’ex raìs non fosse un “musulmano praticante” poco importa: pur di schiacciare il nemico comune occidentale, si può anche fingere di aver sposato definitivamente l’Islam.
“Saddam e Bin Laden. Finalmente uniti. La loro alleanza era stata evocata, smentita, annunciata. Ora non ci sono più dubbi. Dietro alla più imponente e seria minaccia alle forze americane in Iraq, c’è un esercito di fedelissimi al tandem più ricercato del mondo” – “Saddam è un nemico dell’islam”, aveva sottolineato Bin Laden in uno dei numerosi nastri messi in circolazione “ma dal momento che i nuovi crociati americani stanno per aggredire l’islam e i musulmani, diventa religiosamente lecito allearsi con Saddam per fronteggiare insieme il Grande Satana” (la Repubblica, 15 giugno 2003).
“Non c’è dubbio che ci sono stati dei contatti fra l’Iraq e Al Qaeda –ha affermato il capo della Cia Gorge Tenet, intervenendo di fronte alla Commissione Forze Armate del Senato a Washington  – e non può essere escluso che gli attacchi dell’11 settembre siano stati organizzati con l’aiuto dell’Iraq o dell’Iran” (la Stampa, 21 marzo 2002).
“Bin Laden fa arrivare un messaggio sull’Iraq. È un nuovo nastro inviato alla tv satellitare del Qatar Al Jazira. Lo sceicco esorta il popolo iracheno a compiere attentati suicidi contro gli americani. La risposta irachena alla presa di posizione Usa sui legami tra Al Qaeda e il regime di Saddam Hussein non si è fatta attendere. Il legame stabilito dagli Stati Uniti tra Baghdad e Osama Bin Laden dopo l’appello di quest’ultimo a sostenere il regime di Saddam Hussein è ‘un nuovo pretesto americano’ per colpire l’Iraq. Lo ha detto oggi un alto responsabile iracheno” (Corriere della Sera, 12 febbraio 2003).
Ecco come Michael Moore conclude una delle ultime interviste rilasciate prima della vittoria a Cannes: “La verità è che l’Iraq vanta la seconda riserva di petrolio più grande del mondo: per questo siamo lì. Perché non dirlo chiaramente? Bush l’aveva quasi fatto un paio di settimane fa, quando ha detto: ‘Non bruciate quei pozzi…’, pensavo stesse per aggiungere, ‘perché è il nostro petrolio!’, ma non l’ha fatto. Sarebbe stata una splendida gaffe. Avrebbe detto la verità per una volta”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]