Bufera sul Teatro Massimo, l’orchestra chiede le dimissioni del direttore artistico Mariani

Bufera sul Teatro Massimo di Palermo, Ieri, infatti, i musicisti dell’orchestra, dopo un’assemblea infuocata, hanno deciso di chiedere le dimissioni del direttore artistico, Lorenzo Mariani.
La notizia ra nell’aria già da qualche giorno. Troppi problemi. Troppi ‘veleni’. Troppe polemiche. Quello che un tempo era uno dei ‘Templi della lirica’ del nostro Paese rischia di diventare un Teatro di provincia dove, lungi dal produrre spettacoli di qualità, valorizzando le maestranze di lunga tradizione culturale, si acquistano produzioni di second’ordine. Come si sta arrivando a questo?
Link Sicilia pubblica di seguito il documento venuto fuori dall’assemblea d ieri. Il documento si apre con una frase pronunciata dal direttore artistico del Teatro, il già citato Lorenzo Mariani, apparsa sui giornali il giorno dopo la sua forzata nomina nel gennaio 2005: “Punterò innanzi tutto alla formazione, anche culturale, dell’Orchestra, perché le compagini musicali sono il cuore pulsante del Teatro”.
Le ultime parole famose, verrebbe da dire. Si legge infatti nel documento: “Non dovette aspettare molto tempo, l’orchestra, per capire che competenza (ricordiamo la discussione sulle prove in palcoscenico senza pedane e con la pendenza insopportabile), passione, conoscenza e apertura verso chi il Teatro.. erano qualità da ricercare altrove. Da allora si sono inanellate esperienze che hanno mortificato la professionalità dell’orchestra che, in tante occasioni, ha dimostrato di essere ad un livello molto alto, grazie anche al preziosissimo apporto di personale precario che da anni attende di essere stabilizzato”.
“Parliamo – si legge sempre nel documento, che suona come un atto d’accusa alla gestione, comunque oggettivamente non eccelsa, del Teatro Massimo degli ultimi anni – innanzi tutto di impressionanti ed inspiegabili vuoti di programmazione che vanno a cozzare con il continuo martellamento sulla ‘produttività’ e, in secondo luogo, con un principio morale che ci vede sottoccupati, esattamente nel momento in cui siamo convinti che un teatro della portata del Massimo di Palermo dovrebbe produrre molto di più, valorizzando, in particolare, il grande organico orchestrale e comunque tutte le masse artistiche”.
“Il ruolo del direttore artistico – si legge ancora nel documento – non si ferma alla compilazione del cartellone ed è facile, a tal proposito, annotare che egli non sia mai al proprio posto di lavoro nei momenti più importanti”, e cioè “in quelle emergenze in cui servirebbe una guida forte e sicura”. Il documento fa poi rilevare che “il Maestro Lorenzo Mariani sia molto più attento alla sua attività privata (decisamente incentivata negli ultimi anni proprio grazie al buon nome del Teatro Massimo)” che non a quella del Teatro.
Poi altri rilievi, sempre pesanti come macigni: “Programmazioni di dubbio valore artistico (classificabili come “musica leggera”), estenuanti ed inutili, nonché peggiorative prove di lettura contestualmente a fatti come la messa a ‘disposizione’ per dieci giorni di qualche anno fa al teatro di Verdura, la settimana regalata dopo un giorno di lettura di ‘Simon Boccanegra’ (ottobre di 3 anni fa), i periodi di Capodanno a partire dall’ormai famoso ‘Cenone’ e la media annua di circa 30/35 giornate lavorative vuote, sparse qua e là, sono solo esempi che denotano una totale incapacità organizzativa ed uno sconcertante atteggiamento nella facilità di lasciare a casa un grande patrimonio per il Teatro e per la comunità come l’orchestra del Teatro Massimo”.
“Ultimo, in ordine di tempo – conclude il documento – il rinvio del più importante appuntamento Sinfonico dell’anno per motivi di salute(?) del maestro Temirkanov (con conseguente inoccupazione del complesso orchestrale per quattro giorni)”. Vicenda, questa, che “ha fatto traboccare il vaso”.
Da qui la presa di posizione dell’Orchestra che ieri, come già ricordato, si è riunita in assemblea, ritenendo che gli standard sin qui realizzati siano insoddisfacenti ed inadeguati all’orchestra stessa. Da qui l’atto di sfiducia nei confronti della direzione artistica e la richiesta di dimissioni dello stesso direttore artistico, Lorenzo Mariani.

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]