Biometano, una sola busta per il project a Mazzarrà A presentare l’offerta soltanto la società proponente

Sul tavolo dell’ufficio regionale gare d’appalto di Messina è arrivata una sola busta. In realtà più che sul tavolo, l’offerta è stata incamerata dal sistema informatico chiamato a raccogliere le proposte per la realizzazione degli impianti che dovrebbero rilanciare il sito di Mazzarrà Sant’Andrea. A poca distanza dalla discarica, per anni sul ciglio del disastro ambientale, dovrebbe sorgere un impianto per la produzione di biometano dalla spazzatura. Sia dai rifiuti organici che dall’indifferenziata. A indire la gara è stata ad agosto la Srr Messina Provincia, che ha scelto la modalità del project financing sulla base della proposta tecnica presentata da Asja Ambiente, società privata che da qualche tempo è particolarmente attiva nell’isola. Tra i progetti caldeggiati in più province e la partnership all’Ecoforum organizzato da Legambiente Sicilia, per festeggiare i 40 anni.

Ed è stata proprio della società presieduta da Agostino Re Rebaudengo – tra i relatori, a inizio mese, dell’incontro sulla questione energetica organizzato nell’ambito della convention della Lega a Catania – l’unica a partecipare. I termini per presentare le offerte scadevano il 13 ottobre. L’indomani si è svolta la prima seduta di gara con l’apertura della busta amministrativa, mentre nei prossimi giorni toccherà a quella contenente l’offerta tecnica e il ribasso economico. Nel complesso il valore degli investimenti supera i 41 milioni di euro. Soldi che saranno messi dal privato che otterrà la gestione degli impianti per 25 anni.

All’aggiudicazione dell’appalto non seguirà, tuttavia, l’inizio dei lavori. Prima di potere avviare i cantieri, infatti, bisognerà che il progetto ottenga tutte le autorizzazioni necessarie e per questo sarà sottoposto al controllo da parte della commissione tecnica Via-Vas. Sarà l’organismo che risponde all’assessorato al Territorio a stabilire se l’impatto ambientale delle opere sarà compatibile. In quella sede, molto probabilmente, verrà esaminata anche la questione del dimensionamento degli impianti: così come verificato da MeridioNews, il progetto prevede infatti una capacità di trattamento annua di circa 181mila tonnellate. Una quantità decisamente più alta rispetto all’attuale fabbisogno della Srr Messina Provincia, di cui fanno parte 57 Comuni

Stando alla legge regionale 9 del 2010, che disciplina la materia dei rifiuti nell’isola, la pianificazione della gestione deve avvenire avendo come riferimento il bacino delle Srr. Ciò significa che ogni ente – e finora sono molto pochi ad averlo fatto – è tenuto a dotarsi di siti capaci di trattare la spazzatura prodotta dai Comuni che lo compongono, senza sopperire alle mancanze di terzi né potere ambire a ricevere i rifiuti da fuori. Negli uffici messinesi di corso Cavour, tuttavia, resta il convincimento di avere seguito la strada migliore. Per una serie di motivi: dalla cronica, e attualissima, carenza di impianti nel resto della provincia che fa sì che centri limitrofi, come Barcellona Pozzo di Gotto, siano costretti a portare i rifiuti ad Alcamo al fatto che, come dimostrato dalle cronache, i guasti agli impianti di trattamento non sono un’eventualità rara e, quindi, avere una capacità supplementare può sempre fare comodo.

Da un punto di vista normativo, esiste una possibilità affinché un impianto venga costruito con una capacità maggiore all’ambito. «Qualora nel piano regionale di gestione dei rifiuti siano previsti attività e impianti commisurati a bacini di utenza che coinvolgano più Ato, le relative Srr possono concludere accordi per la programmazione, l’organizzazione, la realizzazione e la gestione degli stessi». In altre parole, un progetto come quello immaginato da Asja Ambiente per Mazzarrà Sant’Andrea poteva essere sposato sia dall Srr Messina Provincia che, per esempio, dalla Srr Messina Area Metropolitana. In merito alla carenza degli impianti, proprio nei giorni scorsi, il sindaco della Città metropolitana Cateno De Luca ha attaccato il presidente della Regione Nello Musumeci. «A breve Comuni e Srr si dovranno sobbarcare i costi per spedire fuori regione i rifiuti, con le tariffe che schizzeranno alle stelle. La Regione è colpevole del ritardo accumulato», ha detto De Luca. Che vengano considerati troppo grandi o adeguati, dalla Srr Messina Provincia non si scompongono. «Sono opere che si sviluppano a moduli. Se la commissione Via-Vas riterrà che il progetto dovrà essere ridotto, lo faremo», chiosa un funzionario.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]