Basket, bene Agrigento e Trapani Perde ancora Ragusa, ko Orlandina

Week end agrodolce per le siciliane del basket che collezionano due successi e altrettante sconfitte.

Serie A
Dolomiti Energia Trentino-Betaland Capo d’Orlando 85-76
Altra sconfitta in trasferta per l’Orlandina che stavolta cade sul parquet di Trento. L’inizio è molto vivace e i siciliani si portano avanti trovando con più facilità il canestro, ma Litghly e Flaccadori regalano ai locali il primo vantaggio sul 14-13. A questo punto i padroni di casa prendono stabilmente in mano la partita, portandosi anche sul +10, ma si arriva alla sirena sul 31-25. Nella seconda frazione, le due squadre inizialmente faticano a trovare punti, anche se Laquintana accorcia le distanze. Craft consente a Trento di allungare, ma Diener trova una tripla che riporta in vantaggio i paladini (38-39). È solo un fuoco di paglia, Flaccadori e Craft riportano i padroni di casa avanti: 45-39 a metà gara. Al rientro sul parquet, la Dolomiti cerca l’allungo decisivo, mentre Delas e Stojanovic provano a tenere a galla i biancazzurri. Pochi canestri, con il periodo che si conclude sul 61-54. Nell’ultimo quarto, Trento allunga sin da subito, ma Diener e Delas riportano la Betaland a cinque lunghezze dagli avversari. La Dolomiti sembra però avere più benzina e si porta ben presto sul +12, così la gara finisce 85-76.

Serie A2
Fortitudo Agrigento-Benacquista Assicurazioni Latina 73-64
Dopo il ko di Biella, i biancazzurri si riprendono benissimo riuscendo a battere la squadra pontina. Gli ospiti cominciano molto bene, ma Evangelisti e Bell-Holter chiariscono subito che ci sarà da lottare. La gara è equilibrata, Piazza e Chiarastella provano a fare la differenza ma il primo quarto si chiude sul 21-20. Nel secondo periodo Latina vola sul +7 grazie a Rullo, autore di diverse triple dalla lunga distanza. I siciliani rispondono con gli americani trovando la parità con Zugno. Prima dell’intervallo, Agrigento è sotto di due, ma Chiarastella trova una tripla dai 22 metri: è 35-34 a metà gara. La sfida si conferma combattuta, anche se la Fortitudo domina nella parte iniziale della terza frazione. La Benacquista, però, riesce a rientrare in partita con Poletti e Deshields, che trovano la parità a quota 51. Nell’ultimo quarto è la tripla di De Laurentiis a spezzare l’equilibrio. Poi ci pensa Bell-Holter a incrementare il gap, fino al definitivo 73-64.

Novipiù Casale-Pallacanestro Trapani 69-72 Con un successo esterno, Trapani riscatta la brutta sconfitta interna della scorsa settimana. Partono meglio i piemontesi, ma i granata rispondono subito presente con Renzi. Per Casale sono Emegano, Martinoni e Di Bella a trovare punti pesanti, con la prima frazione che si chiude in parità, sul 19-19. La squadra del rientrante coach Ducarello è molto attiva in attacco e trova punti con Renzi e Ganeto. Gli avversari si affidano alle soluzioni dei singoli e la partita resta in equilibrio fino a due secondi dall’intervallo lungo, quando Martinoni trova il tiro dell’Ave Maria da centrocampo per il momentaneo 42-38. Nel terzo periodo la Novipiù prova a scappare con Blizzard e Martinoni, lasciando i siciliani indietro di nove lunghezze. Trapani però riduce il divario, anche se Emegano, sulla sirena, trova la tripla del 58-52. La gara si infiamma nell’ultimo quarto: Scott realizza e fornisce assist, ricucendo presto lo strappo. I padroni di casa non riescono a trovare facilmente la via del canestro e Ganeto prima regala il pari e poi il vantaggio. Nell’ultimo minuto, Blizzard spreca due palloni con Trapani che può chiudere agevolmente la pratica.

Serie A1 femminile
Virtus Eirene Ragusa-Gesam Gas Lucca 46-62
Vera e propria impresa per la squadra toscana che espugna il PalaMinardi in quello che era a tutti gli effetti uno spareggio play off. Inizio tutto biancorosso, con le ospiti che trovano i punti di Wojta, mentre le iblee si aggrappano ai canestri di Vanloo (tre triple per lei) e Gorini. Il primo quarto si chiude così in parità a quota 17. Nella seconda frazione la Passalacqua prova a scappare e si porta sul +5, ma la Gesam è abile a recuperare e a contenere le biancoverdi, avanti a metà gara per 25-23. È però nel terzo periodo che viene fuori l’abilità di Lucca, con l’ex Ndjock e Dotto che ribaltano il risultato. Le toscane spingono e riescono ad allungare fino al 33-45, punteggio sul quale si arriva alla terza sirena. Nell’ultimo quarto, Ragusa si rifà sotto con i punti realizzati da Formica e si porta addirittura a -5 (44-49). Wojta e Harmon però consentono alla squadra ospite di allungare nuovamente e chiudono il match sul 46-62.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]