Avvocati etnei contro la cassa di previdenza  La petizione ha già raccolto oltre 400 firme

In 24 ore una petizione per la riduzione drastica e immediata dei costi della cassa previdenziale forense ha raggiunto oltre 400 sottoscrizioni. A lanciarla un nutrito gruppo di avvocati etnei, non aderenti a nessuna associazione di categoria, che hanno iniziato a raccogliere le adesioni nei tribunali di Catania e Palermo. Tutto è però partito da una pagina evento Facebook, creata dagli avvocati promotori della petizione: Goffredo D’Antona, Monica Foti, Salvatore Manna, Dario Pruiti, Biagio Tinghino, Francesco Aurichella. Sotto accusa i costi della cassa previdenziale, la cui iscrizione è obbligatoria anche per chi ha appena superato l’esame di abilitazione, e che secondo quanto riferisce il penalista D’Antona, primo firmatario, «il versamento annuale parte da una base annua di tremila e 800 euro. Ed è da pagare a prescindere, anche se non si è fatturato nulla», afferma il legale. La base contributiva obbligatoria è un problema «soprattutto per i giovani, che spesso nei primi anni di attività faticano ad arrivare anche a guadagnare la cifra minima per la cassa. E per chi non paga ci sono pesanti sanzioni». 

Secondo un calcolo effettuato dai legali tramite il sito della cassa forense, che permette una simulazione, «chi versa i tremila e 800 euro minimi dopo 35 anni si ritroverà con una pensione di 370 euro», spiega D’Antona, che ha ormai oltre venti anni di professione alle spalle. «Nonostante io mi sia iscritto all’albo in un’epoca forse privilegiata rispetto all’attuale, il problema non riguarda solo i giovani: le sanzioni per chi sgarra e non paga arrivano anche a vedere triplicata la cifra. Si tratta di una contribuzione del dieci per cento più un ulteriore quattro per cento sul fatturato, che aggiunti alle varie tasse e imposte significa arrivare al 60 per cento di quanto incassato».

Sotto accusa anche «gli sprechi di un organo che spende tre milioni l’anno solo per gli organi direttivi», afferma D’Antona. Che precisa: «Non si tratta di spese per stipendi di dipendenti, ma di compensi per gli organi politici, per avvocati. Il presidente prende 73mila euro l’anno, il suo vice 56, oltre a 413 euro a titolo di gettone di presenza. Più di una pensione ipotetica. È indecoroso per la toga prendere più di quanto un avvocato avviato guadagna in un anno. Credo che la cassa forense spenda più in stipendi in amministratori di quanto un Comune grande come Catania spenda per emolumenti ad assessori e sindaco», conclude D’Antona.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Gli abilitati alla professione forense devono pagare un minimo di tremila e 800 euro l'anno, a prescindere dal reddito. Un gruppo di legali ha promosso una raccolta firme a Catania e Palermo per la riduzione dei costi lamentando anche «gli sprechi di un ente che spende  tre milioni l'anno solo per gli organi direttivi»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]