Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Corsa alla Regione, De Luca sfoggia la formula di Renzi
L'annuncio: «Mi dimetto per diventare sindaco di Sicilia»

Protocollata una lettera per ufficializzare il passo indietro da primo cittadino. Intanto protesta al porto contro il blocco dello Stretto ai non vaccinati. Lo stesso porto che cercò di occupare per non far sbarcare i fuorisede sfuggiti alle zone rosse

Simone Olivelli

Foto di: Pagina Facebook Cateno De Luca sindaco

Foto di: Pagina Facebook Cateno De Luca sindaco

Diventare «il sindaco di Sicilia». Con una formula che ricorda il Matteo Renzi che puntava a palazzo Chigi e che lo stesso leader di Italia Viva qualche anno fa ha rispolverato per immaginare l'elezione diretta del premier, Cateno De Luca ha annunciato di avere inviato una lettera di dimissioni al segretario generale del Comune di Messina e al presidente del Consiglio comunale. «Le motivazioni saranno rese note prima dell'efficacia definitiva della presente e dunque non oltre il prossimo 6 febbraio», ha esplicitato il primo cittadino messinese. 

Non è la prima volta che De Luca si dice pronto a togliersi la fascia di sindaco. Ma se finora gli annunci erano serviti a mettere all'angolo il componenti del Consiglio comunale, dove il primo cittadino non ha una maggioranza, stavolta il motivo va cercato altrove. A Palermo, per l'esattezza, dove vorrebbe insediarsi in autunno come nuovo governatore della Sicilia. L'ambizione di diventare il prossimo presidente della Regione, De Luca non l'ha mai negata: già l'anno scorso, più volte, si è detto di essere pronto a tirare dritto per la propria strada confidando nel sostegno dei siciliani, e specificando di non avere alcuna voglia di tergiversare sulle trattative partitiche. Tra un attacco a Nello Musumeci - principale obiettivo specialmente dopo la comparsa del Covid in Sicilia - e prese di distanze dai luogotenenti del centrodestra, il sindaco di Messina da molto tempo si prepara il terreno per una rottamazione della vecchia politica siciliana. Un po', appunto, come il Renzi che da sindaco di Firenze si puntò a Roma. 

«Vado avanti con l'obiettivo dichiarato di candidarmi alle prossime elezioni regionali per la presidenza della Regione e diventare il sindaco di Sicilia», ha ribadito oggi De Luca. Per firmare le proprie dimissioni De Luca ha scelto la rada San Francescodove ha dormito per protestare contro il blocco dello Stretto a chi non ha il green pass rafforzato, dunque a chi non ha ricevuto il vaccino o è da poco guarito dal Covid. Lo stesso porto in cui nel 2020, poche settimane dopo la diffusione della pandemia in Italia, De Luca presidiò con l'intento opposto: quello di impedire ai fuorisede - sfuggiti alla zone rosse istituite nel Nord - di tornare in Sicilia. In quel momento il timore era legato a una possibile diffusione del virus anche nell'isola ed erano molti a temere le conseguenze di controlli non all'altezza. Da allora, anche se il virus tiene ancora banco, tante cose sono cambiate: le elezioni sono più vicine e De Luca vuole difendere il diritto di spostarsi anche per chi non è vaccinato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×