Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, sequestro di 210mila euro a boss dei Batanesi
Sigilli pure a azienda agricola usate per truffe all'Agea

Vincenzo Galati Giordano, attualmente in carcere, avrebbe retto il clan dopo l'arresto del capo: Sebastiano Bontempo. Un clan specializzato in frodi alla Comunità europea nel settore dell'agricoltura

Redazione

Sequestro beni del valore complessivo di oltre 210mila euro ai danni di Vincenzo Galati Giordano, in carcere perché ritenuto parte integrante della famiglia mafiosa dei Batanesi di Tortorici, attiva in tutta la fascia tirrenica del Messinese. Il provvedimento, emesso dalla Dda di Messina ed eseguito dai carabinieri del Ros, trae origine dall’indagine Nebrodi che aveva documentato come i Batanesi, a seguito della disarticolazione della famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, avessero progressivamente esteso il loro controllo sul territorio dei Nebrodi e della fascia tirrenica messinese, all’area di Montalbano Elicona, un tempo controllata dai Barcellonesi, insediando una loro cellula nel territorio di Centuripe.

Una cellula funzionale alle relazioni con esponenti del clan catanese dei Cappello, e inserendosi in alcune dinamiche criminali anche nelle aree di Regalbuto e di Catenanuova, dove sono stati censiti rapporti con esponenti della criminalità organizzata locale e catanese. Le indagini, inoltre, avevano evidenziato che i Batanesi avevano sviluppato rapporti di affari con altre consorterie mafiose a livello provinciale e ultra-provinciale. Tre le varie attività delittuose, è emersa un’ampia e collaudata strategia per la commissione di truffe finalizzate all’indebita percezione di rilevanti contributi europei, erogati dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura  a sostegno dell’agricoltura e della pastorizia. 

Galati Giordano, raggiunto il 15 gennaio 2020 da custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa nell’ambito della citata operazione Nebrodi, è risultato reggente dei Batanesi durante il periodo di detenzione di Sebastiano Bontempo, il capo clan. L’appartenenza dell’interessato al sodalizio mafioso è, peraltro, sancita dalle sentenze definitive relative alle indagini Mare Nostrum e Montagna. Il sequestro ha riguardato una società agricola utilizzata per l’indebita percezione di contributi economici comunitari erogati dall’Agea, un appartamento, un’autovettura e otto rapporti bancari

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×