Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ruggero Razza torna all'assessorato alla Sanità
Firmata nomina. «Separare politica da giustizia»

Il braccio destro del presidente a marzo scorso aveva ricevuto un avviso di garanzia per i presunti dati Covid falsati. Il nuovo incarico era nell'aria da giorni ed era stato preceduto da un appello dello stesso governatore

Redazione

La notizia era nell'aria da tempo ma adesso dalle parole si è passati ai fatti. Ruggero Razza dopo due mesi torna a guidare l'assessorato regionale alla Sanità. Lo stesso da cui si era dimesso a fine marzo dopo essere finito iscritto nel registro degli indagati per i presunti dati Covid falsati. A firmare la nomina è stato il presidente della Regione Nello Musumeci. Insieme a Razza restano indagati i vertici del dipartimento per le Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico. Secondo i magistrati di Trapani e Palermo gli indagati avrebbero cercato di influenzare le scelte del governo nazionale per quanto riguarda le misure restrittive da adottare per la Sicilia. 

A destare scalpore era stata anche una frase pronunciata da Razza il 4 novembre 2020, e finita intercettata dagli investigatori, in cui l'allora assessore indicava di «spalmare il numero dei morti». Per la giudice che firmò l'ordinanza dietro la gestione della pandemia ci sarebbe stato «un disegno politico scellerato». Insieme a Razza finì nei guai l'ormai ex dirigente generale Maria Letizia Di Liberti. Nei giorni scorsi Musumeci, intervenuto nel programma Casa Minutella, aveva detto che Razza aveva chiarito i contorni di quella frase, motivo per cui il presidente lo aveva sollecitato a un ritorno all'assessorato alla Sanità.

«In queste settimane di interim - ha detto Musumeci riferendosi al suo ruolo di sostituto di Razza - ho potuto toccare da vicino la qualità degli operatori della sanità siciliana, la loro abnegazione e l’impegno da tutti profuso nel corso di questi lunghi mesi di pandemia. Non mi hanno meravigliato gli appelli rivolti da molti operatori e rappresentanze sindacali, certamente non tacciabili di vicinanza con il nostro governo, che hanno chiesto di riprendere il percorso amministrativo avviato con l’assessore. Dal primo momento ho detto che le indagini giudiziarie e le responsabilità politiche devono essere separate, nel pieno rispetto per il lavoro della magistratura e dei princìpi che regolano la nostra vita democratica. Per questo ho insistito con Ruggero Razza affinché potesse riprendere il ruolo che gli avevo assegnato nel novembre del 2017. Ho fiducia che questa scelta possa contribuire positivamente a concludere un percorso amministrativo avviato in questi anni con i risultati che tutti conoscono».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×