Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Augusta, l'ammiraglio risponde piccato a un ambientalista
Richiesta notizie su bene vincolato diventa «aggravio lavorativo»

L'attivista Gianmarco Catalano ha chiesto a MariSicilia chiarimenti sulla recinzione nel parco dell'Hangar. Per il comandante Andrea Cottini, però, sarebbe «indirizzata alla spasmodica ricerca di spunti per circoscrivere lo spazio d'azione della forza armata»

Marta Silvestre

«Un aggravio lavorativo, certamente legittimo, ma di cui non se ne comprende a fondo l'efficacia». È così che il comandante marittimo Sicilia contrammiraglio Andrea Cottini ha definito la richiesta di accesso agli atti presentata dall'attivista del comitato Punta Izzo possibile Gianmarco Catalano sulla recinzione che, all'inizio di quest'anno, è spuntata nella zona dell'idroscalo del parco dell'Hangar di Augusta. «È la prima volta che una risposta del genere, così piccata, mi viene messa nero su bianco - commenta Catalano a MeridioNews - di fronte a una legittima richiesta di chiarimento». Quella stessa che nella pec di risposta, l'alto ufficiale ha bollato come «indirizzata alla spasmodica ricerca di spunti utili per circoscrivere lo spazio d'azione della forza armata».

Candidata a bene dell'Unesco, l'area è anche sottoposta a vincoli paesaggistici, archeologico e storico- culturali. La zona verde, dove fin dal dopoguerra si poteva accedere liberamente, fino al settembre del 2016 era di proprietà del Comune di Augusta. Poi, passata al demanio Difesa, è diventata inaccessibile e, nel marzo del 2017, all'interno del parco sono stati rasi al suolo oltre un centinaio di eucalipti monumentali. A gennaio è comparsa una lunga e vistosa recinzione perimetrale - accompagnata da cartelli con il divieto di ingresso - che ha subito preoccupato gli ambientalisti del coordinamento Punta Izzo possibile e dell'associazione Natura Sicula. «Da qui è nata l'esigenza di richiedere un accesso agli atti per capire le intenzioni della Marina su quel bene», racconta Catalano. «Le finalità delle opere attengono a fini istituzionali delle forze armate». È la generica risposta che è stata fornita per mail da MariSicilia che mantiene il totale riserbo su cosa intende realizzare nei terreni che sta recintando. 

A questo proposito, nel documento firmato dal contrammiraglio Cottini si specifica che «la recinzione attuale è di tipo provvisorio» e che «per la realizzazione della recinzione perimetrale definitiva è stato rilasciato apposito parere favorevole della Soprintendenza di Siracusa». Altra questione è quella che riguarda l'abbattimento degli alberi all'interno della base navale. «Non sono previste, se non necessario - puntualizza il comandante marittimo - opere di ripiantumazione di specie arboree e arbustive autoctone». Eppure, nella mail indirizzata all'attivista si precisa anche che la gestione del parco dell'hangar dei dirigibili sarà «nel rispetto delle norme ambientali, paesaggistiche e di tutela del patrimonio storico-culturale. Questo comando marittimo Sicilia - prosegue il documento - amministra i beni demaniali destinati alla difesa militare conciliando gli obiettivi istituzionali governativi con i precipui interessi della locale collettività». Con un riferimento anche all'«intrinseco interesse degli stessi militari in servizio presso la base, che in gran parte sono anche residenti in città o nei prossimi dintorni».

Nella formula di chiusura, da una parte c'è la cortese e «completa disposizione per fornire qualsiasi documento o informazione»; la riga dopo, però, arriva dal contrammiraglio la puntualizzazione del fatto che «non sarebbe congruo con il rispetto del principio di buon andamento della pubblica amministrazione negare che la ripetuta attivazione di pubblici funzionari per l'ostensione di atti afferenti a situazioni note o oggetto di pregresse attività d'informazione - verosimilmente indirizzate alla spasmodica ricerca di spunti utili per circoscrivere lo spazio d'azione della forza armata - costituisce un aggravio lavorativo, certamente legittimo, ma di cui non se ne comprende a fondo l'efficacia». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×