Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid, studenti fuorisede attendono ancora i sussidi
«Soltanto parole». Regione: «Bando entro fine mese»

Quasi un anno fa il presidente Nello Musumeci e l'assessore Roberto Lagalla annunciarono una serie di misure per andare incontro a chi rimaneva in affitto nelle città che ospitano gli atenei dell'isola. «A oggi nessuno ha ricevuto nulla», lamenta un genitore

Simone Olivelli

Foto di: green chameleon

Foto di: green chameleon

Un'immediatezza che, calendario alla mano, nella migliore delle ipotesi sarà pari a un annetto. Quando mancano due settimane all'anniversario del primo caso di Covid in Sicilia, la macchina regionale stenta ancora a mostrare la reattività che ci si aspetterebbe, specialmente se si tratta di burocrazia e non della mutevolezza del quadro epidemiologico dettata dal virus. È il caso per esempio dei ritardi accumulati dall'assessorato all'Istruzione per l'erogazione dei contributi straordinari rivolti agli universitari fuorisede che studiano negli atenei dell'isola. A prevederli è una norma inserita nella finanziaria dello scorso anno che quantifica in cinquecento euro il sostegno per chi è «conduttore o co-conduttore di unità immobiliari a uso residenziale o in alloggio in residenze universitarie e fiscalmente a carico dei nuclei familiari di provenienza».

La misura era stata annunciata già ad aprile, durante il lockdown e nel pieno della polemica sui rientri di chi - anche per motivi di studio - aveva deciso di tornare a casa dai propri cari, pur correndo il rischio di portare in giro il virus. Anche per frenare quella che in un primo tempo fu prospettata come un'ondata e che poi si è rivelata un fenomeno di dimensioni più contenute, il governo Musumeci approvò l'erogazione dei contributi straordinari: ottocento euro per chi studiava in altre regioni o all'estero e cinquecento per chi sarebbe rimasto nelle città siciliane che ospitano le università.

Se nel primo caso le somme sono state già erogate, a distanza di quasi un anno non c'è traccia dei contributi per chi studia nell'isola. «Nel corso dei mesi ho scritto diverse mail e chiamato gli Ersu ma mi hanno sempre detto di non avere ancora disposizioni per predisporre i bandi - racconta a MeridioNews il padre di una studente di Medicina che studia a Catania -. Che senso ha parlare di tempestività e di volontà di aiutare chi è meno abbiente se poi si accumulano questi ritardi?». Il riferimento va agli annunci che la scorsa primavera furono fatti dall'assessore Roberto Lagalla e dal presidente Nello Musumeci. «Crediamo doveroso - dichiarò il presidente della Regione a inizio aprile 2020 - erogare un concreto e immediato beneficio economico a tanti studenti che in queste settimane sono comunque obbligati a sostenere i costi relativi ad affitti per alloggi che non possono utilizzare». 

Tuttavia, stando a quanto appreso da MeridioNews da fonti vicine all'assessorato, lo stallo potrebbe risolversi nelle prossime settimane. Negli uffici di viale Regione Siciliana assicurano che il bando per i fuorisede è già pronto e attende soltanto di essere pubblicato. Prima, però, sarà necessario iscrivere le somme - legate al Fondo sociale europeo (Fse) - da usare all'interno della nuova finanziaria che, stando ai propositi dell'assessore all'Economia Gaetano Armao, dovrebbe essere esitata dall'Ars entro la fine del mese. Rispettando così i termini previsti nell'approvazione dell'esercizio provvisorio votato a fine dicembre. 

Da quel momento la palla dovrebbe passare agli Ersu di Palermo e Catania, che saranno chiamati a vagliare le richieste di sussidio. Un compito che, paragonato a quanto fatto nei mesi scorsi per l'altro bando, dovrebbe essere più agile considerato il numero contenuto di atenei e istituzioni formative presenti nell'isola. «Nel giro di un paio di mesi, potrebbero essere erogati i contributi», è la previsione che arriva da uno degli enti universitari. A sperare che sia così sono migliaia di genitori e studenti siciliani.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×