Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Noto, sequestrata una rivendita di generi alimentari al boss
Dietro il titolare si celava ancora una volta Waldker Albergo

L'uomo del clan Trigila negli anni scorsi è stato già destinatario di misure di prevenzione. Tre condanne per mafia alle spalle, aveva trovato in un suo ex dipendente il prestanome per avviare il nuovo esercizio commerciale

Redazione

Nuova indagine a carico di Waldker Domenico Albergo, boss del clan Trigila nell'hiterland di Noto. Gli uomini del Gico di Catania hanno scoperto che l'uomo - con tre condanne per mafia alle spalle e destinatario negli anni scorsi di una serie di misure di prevenzione nei confronti delle sue attività commerciali - aveva avviato una rivendita di generi alimentari tramite un prestanome. A favorire Albergo sarebbe stato Giuseppe Balistreri, un suo ex dipendente incensurato.

L'indagine per trasferimento fraudolento di valori, con la finalità di aggirare la normativa antimafia, riguarda cinque persone. Coinvolto anche il commercialistà Niccolò Tullio Lentini, che pur consapevole dell'illiceità dell'operazione avrebbe suggerito ad Albergo l'escamotage. Per lui, il gip del tribunale di Siracusa ha disposto il divieto dell'esercizio della professione per un anno. Divieto di esercitare attività d'impresa per un anno invece per Giuseppe Balistreri. Il giudice ha anche disposto il sequestro della rivendita di generi alimentari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×