Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Referendum, affluenza del 6,41% alle ore 12
Quasi la metà rispetto alla media nel Paese

La partecipazione al voto, dopo la prima rilevazione, come ci si aspettava è stata molto bassa. I seggi resteranno aperti fino alle 23, per poi riaprire domani e chiudersi alle 15. Tutti i dati dalle province dell'isola

Redazione

Bassa affluenza alle urne in Sicilia per il referendum sulla riforma costituzionale. A presentarsi ai seggi, in quella che è la prima tornata dall'inizio della pandemia di Covid-19, è stato il 6,41 per cento degli aventi diritto. L'isola è quella che alle 12 ha registrato il più basso livello di partecipazione tra le regioni italiane. La media nazionale è del 12,25 per cento. Il referendum, essendo confermativo sulla proposta di taglio di circa un terzo dei parlamentari nazionali (29 quelli in bilico in Sicilia), per essere valido non necessita il raggiungimento del quorum.

A livello provinciale l'affluenza maggiore è stata a Siracusa con il 7,16 per cento, seguita da Catania (6,77) e Ragusa (6,68). Quarta Palermo dove a mezzogiorno si è presentato ai seggi il 6,48 per cento dei votanti, mentre a Enna l'affluenza è stata del 6,34 per cento. A Messina il dato è del 6,28. Sotto il sei per cento le province di Trapani (5,98), Caltanissetta (5,54) e Agrigento (5,53). Le urne resteranno aperte fino alle 23, per poi riaprire domattina e chiudere definitivamente alle 15.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×