Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Open Arms, Salvini: «Era tutto concordato con Conte»
Ex ministro rischia processo per sequestro di persona

Il senatore leghista torna a parlare all'indomani del voto del Senato che ha dato l'ok alla procura di Palermo a proseguire l'iter giudiziario che potrebbe portare alla richiesta di rinvio a giudizio per i fatti accaduti ad agosto dello scorso anno

Redazione

«Era tutto concordato con il governo». All'indomani dell'ok del Senato alla richiesta di autorizzazione a procedere per il reato di sequestro di persona e rifiuto di atti d'ufficio nei confronti di Matteo Salvini, il leader della Lega, questa mattina, è tornato a difendere le proprie scelte. Salvini ha ribadito di avere agito in linea con la volontà dell'allora esecutivo guidato da Giuseppe Conte e con il benestare dei ministri cinquestelle e leghisti. I fatti al centro delle indagini riguardano il divieto di sbarco imposto per settimane alla Open Arms, la nave spagnola che ad agosto dello scorso anno rimase in rada con oltre 160 migranti a bordo. 

«Tutto quello che ho fatto - ha detto Salvini parlando durante la trasmissione Aria Pulita - è negli atti e condiviso con l'intero governo. Lo sapevamo tutti, eravamo d'accordo tutti, e ne processano uno. Ma per le mie idee e per il mio Paese sono disposto ad andare dritto fino in fondo. Per me saraà un bel venerdì - ha proseguito l'ex ministro degli Interni - perché la famiglia viene prima di tutto. Sarà un venerdì brutto dal punto di vista del rispetto della legge, perché è un processo politico».

Per Salvini, che in autunno dovrà affrontare l'udienza preliminare per il caso Gregoretti, si prospettano mesi a contatto con i tribunali. Gli atti della Open Arms torneranno adesso alla procura di Palermo, in attesa della fissazione dell'udienza preliminare al termine della quale i magistrati potranno chiedere il rinvio a giudizio o il proscioglimento. Dal canto suo Salvini, nel caso di un rinvio a giudizio, potrebbe scegliere un rito alternativo a quello ordinario, compreso proporre il patteggiamento. «Troverò un giudice che mi dice in tutto il mondo chi difende i confini fa il suo dovere, solo in Italia chi lo fa passa per criminale, non ho preoccupazioni di nessun tipo», ha concluso Salvini.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews