Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, gli abitanti chiedono di sigillare l'isola
«Chiudere hotspot, troppi rischi con la pandemia»

L'iniziativa è di un gruppo di residenti, preoccupati dalla situazione sanitaria e dalla gestione del centro di identificazione per migranti. Al primo cittadino Totò Martello la richiesta di alzare la voce con il governo

Simone Olivelli

Foto di: Enrica Tancioni

Foto di: Enrica Tancioni

Sette giorni per confrontarsi, stilare un documento con richieste precise da sottoporre al governo nazionale. Con tanto di ultimatum di una settimana, prima di indire un clamoroso sciopero a oltranza. Parte da qui la strategia di un gruppo di abitanti di Lampedusa per entrare nel dibattito politico nazionale, accendendo i riflettori sulle condizioni sanitarie in piena emergenza Covid-19. Al centro dell'attenzione c'è la gestione dell'hotspot locale, che nelle ultime settimane è tornato a riempirsi in seguito a una serie di sbarchi autonomi di migranti. Approdi arrivati in concomitanza con la decisione del governo Conte di dichiarare i porti italiani non più sicuri.

Stamattina una delegazione di cittadini, dopo che nei giorni scorsi è stato costituito un comitato spontaneo, ha incontrato il sindaco Totò Martello. La convocazione del primo cittadino è arrivata sulla scia del comunicato con cui gli abitanti si dichiaravano pronti a occupare simbolicamente il palazzo di città. Sul tavolo di Martello sono finite così cinque richieste, tutte legate alla misura estrema proposta dai lampedusani: sigillare l'isola. «Sulle isole Pelagie non transiti nessuna persona che non abbia un ruolo strettamente necessario a garantire le indispensabili esigenze degli isolani e in ogni caso con tutte le precauzioni necessarie (una su tutte i tamponi) a verificare lo stato di salute in entrata ed uscita dalle Pelagie, fino a quando non sarà rientrata l'emergenza», si legge al punto uno del documento sottoposto al sindaco.

A seguire la richiesta di chiudere l'hotspot, trasferendo i migranti in altri centri e prevedere una nave ospedaliera per quelli che potrebbero arrivare nelle prossime settimane. Facendo in modo che vengano intercettati con motovedette di altura, anziché aspettare che mettano piede sulla terraferma. Infine, i residenti chiedono che sull'isola arrivino scorte di ossigeno

All'origine dell'apprensione della cittadinanza ci sono stati alcuni fattori: dalla vicenda del passaggio da Lampedusa del migrante che ha mostrato i sintomi del Covid, poi confermati, durante il trasferimento a Pozzallo all'uscita momentanea di due migranti dall'hotspot senza mascherina durante la quarantena. Infine, lo sbarco autonomo fino al molo Favarolo di un barchino. «Ho ascoltato i cittadini, le richieste sono comprensibili. Vediamo cosa possiamo fare, anche perché resto un sindaco di un Comune italiano, non della Cina», chiosa Martello a MeridioNews, annunciando per le prossime ore dichiarazioni pubbliche e alludendo ai limiti d'azione che contraddistinguono le attività dei primi cittadini. 

Nei giorni scorsi questa testata ha dato anche notizia della protesta all'interno dell'hotspot. Alcuni tra i migranti - oltre un centinaio al momento -, dopo avere abbondantemente superato i tempi previsti per la quarantena, hanno compiuto atti di autolesionismo, nella speranza di essere trasferiti altrove. Al centro della protesta le condizioni in cui versa il centro di identificazione, dove nei bagni mancherebbe pure l'acqua.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews