Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Troina, al Villaggio quinto caso di Coronavirus
Tamponi a rilento, solo a chi manifesta sintomi

Cinque donne affette da disabilità sono risultate positive. Un'altra decina di persone, tra pazienti e personale sanitario, è in isolamento dentro il reparto. Una delle ipotesi è che il virus sia stato portato da un infermiere

Salvo Catalano

Foto di: Flickriver

Foto di: Flickriver

A Troina sono ore di attesa per capire se il contagio da coronavirus all'interno del Villaggio Cristo Redentore si possa estendere. Intanto stamattina è emerso un quinto caso. I contagiati sono donne, quattro sulla cinquantina d'età più una ragazza ventenne, e tutte affette da una grave disabilità. «Qualcuna - spiega a MeridioNews il direttore sanitario Michelangelo Condorelli - non ha più nessuno che se ne prenda cura». Vivono in pianta stabile nella struttura che fa parte del gruppo che gestisce anche l'istituto di cura e di ricerca scientifica Oasi Cristo Re. Il villaggio è però separato fisicamente dall'ospedale. 

Le cinque donne sono state sottoposte a tampone perché hanno manifestato dei sintomi influenzali. L'ipotesi - ma al momento non è l'unica - è che il virus sia entrato nella struttura attraverso un infermiere che non ha mai avuto sintomi ma che era venuto a contatto con un contagiato di Leonforte. «Quando abbiamo saputo di questo contatto pericoloso gli abbiamo detto di rimanere a casa», sottolinea il direttore sanitario. Questo infermiere al momento è in quarantena domiciliare, ma su di lui l'Asp di Enna ha deciso al momento di non eseguire il tampone, perché è asintomatico. 

Un'altra decina di persone - tra malati e personale sanitario - è in isolamento all'interno del reparto in attesa di un'eventuale comparsa di sintomi, fattore determinante per decidere se sottoporle a tampone. La scelta di non effettuare test a chi è asintomatico - prassi comune finora anche nel resto della Sicilia - è dettata anche dalla lentezza nella ricezione dei risultati. Al momento sia la provincia di Enna che quella di Caltanissetta si appoggiano sui laboratori di Catania e Palermo, perché quello del capoluogo nisseno non è ancora pronto. L'attesa per avere i risultati di conseguenza arriva anche fino a 48 ore. L'Asp di Enna conta di avviarne uno a Piazza Armerina nel più breve tempo possibile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews