Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus: focolaio di Sciacca, le risposte dell'Asp
«Dubbi che il paziente uno abbia contagiato gli altri»

Ieri la sindaca di Sciacca Francesca Valenti ha chiesto, tramite questa testata, «trasparenza e chiarezza» alle autorità sanitarie e politiche. Con una nota arriva la replica dell'Azienda sanitaria provincia di Agrigento

Redazione

In provincia di Agrigento sono 22 i contagiati da Coronavirus. E quasi interamente i positivi riguardano il focolaio dell'ospedale di Sciacca che desta molta preoccupazione, tanto che 17 sindaci hanno scritto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte per chiedere misure straordinarie come nelle ex zone rosse del Lodigiano. A MeridioNews la prima cittadina di Sciacca Francesca Valenti ha chiesto «trasparenza e chiarezza» alle istituzioni sanitarie e politiche sui contagi e sulle misure da attuare all'interno della struttura sanitaria.

L'Azienda sanitaria provinciale di Agrigento risponde con una nota inviata a questa testata. «Ad oggi - si legge - sono stati eseguiti circa 250 tamponi faringei di cui positivi 18, pari al 7,5%; di questi 18 positivi solo quattro manifestano una sintomatologia specifica e sono stati posti in isolamento ospedaliero (ricoverati ndr), mentre gli altri 14 soggetti risultano ad oggi asintomatici e altresì posti in quarantena obbligata (14 giorni) al proprio domicilio con sorveglianza sanitaria costante per il monitoraggio delle condizioni cliniche. Detta percentuale è sensibilmente inferiore rispetto alla media nazionale tenendo conto della popolazione sottoposta a tampone». 

Quindi l'Asp sostiene che «il maggior numero di tamponi positivi (rispetto ad altre località della provincia) è legato al maggior numero di tamponi effettuati», visto che all'ospedale di Sciacca «si è riscontrata la positività del paziente n. 1 della provincia di Agrigento. Per tale motivo - continua - tutti i soggetti che hanno avuto un contatto stretto, come definito dalle Direttive Nazionali e Regionali, con il paziente n. 1 in quanto operatori di servizio pubblico essenziale (SSR), non potendo essere posti in isolamento volontario, stante la normativa vigente, devono effettuare il tampone». 

«Negli ultimi 8 giorni - si legge ancora - non si sono registrati nuovi ricoveri per pazienti affetti da infezione da Coronavirus. In atto sono presenti presso l'UO di Medicina solo due pazienti positivi non trasferibili. Le condizioni dei due pazienti ricoverati risultano stabili e nessuno di loro necessita di assistenza intensiva in rianimazione. Peraltro il reparto mantiene la condizione di quarantena». 

Quindi dall'azienda sanitaria aggiungono che l'ospedale di Sciacca «si sta organizzando per eventuali altri ricoveri predisponendo su indicazione della Direzione una apposita area dove poter ospedalizzare soggetti positivi al Covid-19 sintomatici». Attualmente i ricoverati complessivi, quindi per altre patologie, sono 95. «Di questi molti non sono trasferibili in altri presidi anche perché degenti nella Neuroriabilitazione Intensiva e/o nella UO di Risveglio: è notorio che tali UO scarseggiano nel nostro territorio e che spesso non si tratta di pazienti facilmente spostatili per le loro condizioni di salute. Conseguentemente non è ipotizzabile la chiusura anche temporanea dell’intero presidio». Eventualità che anche la sindaca Valenti non prendeva in considerazione. 

Infine l'Asp fa alcune considerazioni sul contagio del paziente numero uno, cioè la dottoressa del reparto di Medicina attualmente ancora ricoverata a Caltanissetta. «Considerato la distribuzione della positività al Covid-19 nel primo gruppo di soggetti sottoposti a tampone (gli operatori positivi sono in numero ridotto rispetto agli altri soggetti) nasce il dubbio che il paziente n. 1 possa essere causa della diffusione del virus in quanto il contatto stretto che lo stesso ha avuto con il personale dell’ospedale avrebbe dovuto comportare un numero maggiore di positivi tra gli stessi». In sostanza l'ipotesi dell'Asp è che alcuni dei contagiati non abbiano preso il virus dalla dottoressa. 

«Bisogna altresì riconoscere - continua la nota - che il pronto sospetto clinico dell'infezione da parte del paziente n. 1 (poi confermata) è stato il primum movens per l'immediata chiusura e quarantena dell'UO di Medicina e il confinamento dell'infezione a quel reparto. Si deve pertanto all'intuito e alla professionalità del paziente n. 1 (che ottiene il nostro plauso per la sua abnegazione) il merito del confinamento dell'infezione al proprio reparto di degenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews