Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, tensioni dentro al centro per rimpatri
I migranti rifiutano identificazione, entra la polizia

La protesta è stata inscenata da alcuni residenti gambiani. Nella struttura pochi giorni fa ha fatto ingresso il parlamentare di Leu Erasmo Palazzotto, che ha messo in luce le numerose carenze del sito

Alberto Sardo

Foto di: ondatv

Foto di: ondatv

Nuova protesta al centro per i rimpatri di contrada Pian del lago a Caltanissetta. Tutto è accaduto quando, stamane, cinque cittadini del Gambia si accingevano a essere sottoposti alle procedure d'identificazione che prevedono un'audizione alla presenza di un funzionario del consolato.

All'atto di essere prelevati è partita la protesta con lancio di oggetti e suppellettili. Circa venti agenti sono intervenuti in tenuta antisommossa ma non ci sono notizie di feriti né tra i migranti né tra le forze dell'ordine. Riportata la calma le cinque persone sono state sottoposte alla procedura d'identificazione. Si tratta di una fase critica del procedimento di trattenimento poiché una volta che viene accertato il Paese di provenienza (in questo caso il Gambia), scatta la procedura di rimpatrio.

La tensione al Cpr rimane alta. Le condizioni del centro di Pian del Lago sono state oggetto di un'ispezione da parte del parlamentare di Leu Ersamo Palazzotto, che venerdì scorso si è recato a Caltanissetta. «La struttura è gravemente danneggiata, mancano le finestre, le porte dei dormitori sono state fatte dai migranti con lenzuola di carta, non ci sono le porte nei bagni e le docce sono per l’80 per cento non funzionanti - ha dichiarato Palazzotto -. La permanenza delle persone detenute in questo centro e in queste condizioni configura una violazione dei loro diritti fondamentali e della loro dignità». Con queste parole il deputato di Leu chiede alla ministra dell'Interno Luciana Lamorgese la chiusura del Cpr di Caltanissetta «almeno fino a quando non saranno eseguite tutte le opere necessarie per rendere idonea la struttura».

Le condizioni del centro sono peggiorate soprattutto negli ultimi mesi, anche a seguito di proteste e rivolte da parte delle persone trattenute e di ripetuti incendi. Nel 2019 l'ufficio immigrazione della Questura di Caltanissetta ha rimpatriato 772 stranieri irregolari con accompagnamento alla frontiera. Numeri che danno la misura del flusso di arrivi a Pian del lago da ogni parte d'Italia.

Pochi giorni fa, nella notte tra l'11 e il 12 gennaio, un 34enne tunisino è deceduto all'interno del Centro per i rimpatri. A trovarlo senza vita nel proprio letto sono stati gli operatori della cooperativa che gestisce la struttura a seguito di un bando aggiudicato dalla prefettura di Caltanissetta. Dall'ispezione cadaverica eseguita dal medico legale è stato stabilito che il 34enne è morto per cause naturali. Il pm ha comunque disposto l'autopsia i cui risultati si conosceranno tra 30 giorni. La salma è stata restituita la scorsa settimana ai familiari che sono in contatto con il personale del Consolato. A seguito dell'episodio le persone trattenute hanno dato vita a una protesta appiccando un incendio poi domato dai vigili del fuoco. Il 34enne tunisino era destinatario di due provvedimenti d’espulsione e trattenimento emessi lo scorso 10 gennaio, giorno in cui era stato scarcerato e trasferito al Cpr di Caltanissetta dal Nord Italia. 

La commissione diritti umani e diritto dell’immigrazione dell’Ordine degli avvocati di Caltanissetta a seguito dell'episodio sottolinea «la necessità che venga fornita la massima assistenza sanitaria ai soggetti trattenuti presso il Cpr e in particolar modo che venga valutata con grande attenzione la compatibilità del regime del trattenimento con i soggetti in condizione di vulnerabilità». La commissione pone l'accento anche «sul divieto di respingimento ed espulsione dei soggetti vulnerabili e che necessitano di cure essenziali».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews