Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Milazzo, la discarica minaccia l'area marina protetta
Cittadini in comitato per vigilare su messa in sicurezza

Mentre la richiesta sullo stato di emergenza è ancora sul tavolo del Consiglio dei ministri, il direttore della riserva di Capo Milazzo lancia l'allarme: «Bisogna fare in fretta per non buttare tutto il lavoro fatto»

Erika Bucca

Fare in fretta perché quella distesa di rifiuti emersa dopo la mareggiata non comprometta la vicina area marina protetta. A Milazzo la parola d'ordine in queste settimane è evitare in tutti i modi che lo scempio ambientale si allarghi. È già tanta la preoccupazione per la discarica grande venti ettari venuta fuori dopo le mareggiate di inizio mese nel tratto di litorale tra Milazzo e Barcellona, ad appena tre miglia dall’Area Marina Protetta di Capo Milazzo, recentemente istituita e che rischia di essere contaminata dai rifiuti alla prossima mareggiata.

«Il ministero e la Regione - denuncia il presidente della riserva Giovanni Mangano - non possono permettere che tutto ciò che è stato fatto fino ad oggi in termini di valorizzazione del territorio vada perso. Ciò che è emerso su questa spiaggia deve invece diventare un volano per la differenziata, la gente deve capire che differenziare è l’unica soluzione per evitare questi scempi». 

Secondo quanto filtra dagli enti competenti, la prima messa in sicurezza consisterà nell'installazione di una rete che parte dalla spiaggia e sale lungo il rifiuto, si tratta di una rete di contenimento del terrapieno a maglia fitta che in caso di mareggiata trattiene il rifiuto e fa rifluire l'acqua. Per tenere la rete bisogna ancorarla alla base con dei tetrapodi (struttura solitamente in cemento che serve da frangiflutti) o massi di cala. Sarà la protezione civile regionale a occuparsi dell'intervento e, vista l'urgenza, potrebbe entrare in azione anche prima del via libera allo stato di emergenza che si attende da Roma.

Proprio su questo aspetto, nei giorni scorsi il sottosegretario all'Economia Alessio Villarosa, deputato messinese del Movimento 5 stelle, aveva denunciato che la Regione siciliana non avrebbe inviato alla protezione civile nazionale «la relazione tecnica necessaria per il completamento di tutte le attività propedeutiche alla delibera del Consiglio dei Ministri sullo stato di emergenza». Tuttavia secondo l'assessore regionale all'Ambiente Toto Cordaro, sentito da MeridioNews, tutti gli adempimenti burocratici necessari alla richiesta sono stati prodotti dagli uffici competenti.

In attesa la zona interessata è stata delimitata e posta sotto sequestro e negli ultimi giorni sono stati effettuati da parte dell’Arpa le verifiche sulla radioattività e i carotaggi nel lungomare di Ponente - tra Milazzo, il torrente Mela e Barcellona - interessato dalla presenza dei rifiuti.

Pure la cittadinanza locale si sta muovendo per costituirsi in comitato per vigilare sull’avanzamento delle procedure utili al ripristino del litorale e parallelamente su eventuali inchieste dell'autorità giudiziaria per abbandono incontrollato di rifiuti, risalente a quanto pare agli anni ‘70. Proprio un anno fa la Guardia costiera aveva già sequestrato una discarica abusiva, su segnalazione del sindaco di Milazzo; 160 metri lineari di spiaggia nella medesima area di Ponente posti sotto sequestro dalla Capitaneria senza una successiva presa in carico da parte della Regione del rischio socio-economico e ambientale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews