Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Borrometi, tre deputati si pentono della firma
Richiesta d'indagine Antimafia sarebbe una svista

Michele Mancuso, Riccardo Savona e Riccardo Gallo, tutti esponenti di Forza Italia, hanno ritirato il sostegno alla richiesta inviata alla commissione presieduta da Fava. Al centro dell'attenzione la veridicità delle minacce e aggressioni denunciate dal giornalista

Redazione

Da sette a quattro. Quasi si dimezza il numero dei deputati regionali che chiedono alla commissione Antimafia di accertare la fondatezza dei fatti denunciati, negli ultimi anni, dal giornalista Paolo Borrometi. Dopo l'articolo di MeridioNews, i parlamentari di Forza Italia Michele Mancuso, Riccardo Savona e Riccardo Gallo hanno fatto un passo indietro. 

Il dietrofront arriva oltre una settimana dopo la firma della lettera in cui si tirano in ballo i dubbi circa la veridicità degli atti intimidatori e delle aggressioni raccontate da Borrometi. «Sono fiero e per me è un vanto l’aver sempre perseguito la strada della legalità, l’unica che conosco. Mai mi permetterei, neanche solo con l’immaginazione, di giudicare la necessità o meno di rimuovere la scorta a una persona, specie se impegnata in trincea nella lotta alla criminalità organizzata», dichiara in una nota Mancuso, definendo la firma un mero errore. A pensarla allo stesso modo, a quanto pare, sono anche Gallo e Savona. «Il sottoscritto e i due deputati del mio gruppo coinvolti abbiamo già provveduto al ritiro attraverso mail indirizzata alla Commissione Antimafia».

A difendere la bontà dell'operato di Borrometi era stato ieri anche il Movimento 5 stelle. Dagli eurodeputati Ignazio Corrao e Dino Giarrusso al viceministro Giancarlo Cancelleri, sono stati diversi i messaggi rilanciati sui social. Una levata di scudi in cui non è mancato il riferimento agli autori della richiesta all'Antimafia. Diversi dei deputati che hanno sottoscritto il documento, infatti, hanno avuto o hanno problemi con la giustizia. Uno status che però, a detta di Gaetano Galvagno, tra i firmatari e anche componente della commissione Antimafia non inficia il diritto di chiedere chiarezza. «Rispondere alla nostra iniziativa dicendo "da quale pulpito viene la predica" è una risposta che imbarazza», ha detto l'esponente di Fratelli d'Italia a MeridioNews. Galvagno non è tra i deputati interessati da indagini della magistratura.

A dare solidarietà a Borrometi, intanto, è anche il gruppo siciliano dell'Unci, l'Unione nazionale cronisti italiani. «Noi pensiamo che la commissione Antimafia, sollecitata da deputati non esenti, alcuni, da critiche di familismo clientelare o, anche, da veri e propri pregiudizi penali, farebbe bene a occuparsi del rapporto mafia-politica, prima di indagare le ragioni per le quali a un giornalista è stata assegnata una scorta», si legge in una nota.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews