Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, prime condanne nel processo Anno zero
Alla sbarra i favoreggiatori di Messina Denaro

La sentenza è stata pronunciata dalla gup Cristina Lo Bue. A rappresentare l'accusa sono stati i magistrati della procura di Palermo Paolo Guido, Francesca Dessì, Geri Ferrara, Alessia Sinatra, Claudio Camilleri e Gianluca De Leo

Redazione

Sono arrivate le condanne nel primo grado del processo Anno zero sui boss e i favoreggiatori delle cosche del Trapanese. La giudice per l'udienza preliminare Cristina Lo Bue si è pronunciata sugli imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Le accuse, sostenute dall'aggiunto della procura di Palermo Paolo Guido e dai pm Francesca Dessì, Geri Ferrara, Alessia Sinatra, Claudio Camilleri e Gianluca De Leo, riguardavano i reati di associazione mafiosa e favoreggiamento.

Queste le pene decise dalla giudice: Nicola Accardo, capomafia di Partanna detenuto al 41 bis, ha avuto 15 anni; 12 anni ad Antonino Triolo, 11 anni a Calogero Guarino, 11 anni e 4 mesi a Giuseppe Tilotta, 10 anni e 8 mesi a Leonardo Milazzo, 11 anni e 4 mesi a Paolo Buongiorno, 19 anni e 4 mesi a Vincenzo La Cascia, capomafia del clan di Campobello di Mazara, attualmente al 41bis. Condannato a 18 anni e 4 mesi Raffaele Urso, 8 anni a Andrea Valenti, 12 anni a Filippo Dell'Aquila, mentre 8 anni sono stati comminati ad Angelo Greco

Condannato anche Bartolomeo Tilotta. Per lui il reato è di favoreggiamento della mafia e la penna decisa di due anni e mezzo. Di tre anni e quattro mesi la condanna per Mario Tripoli. Unico assolto Giuseppe Rizzuto, rispondeva di favoreggiamento. Altre 17 persone, coinvolte nella stessa indagine, sono sotto processo in ordinario: tra loro il cognato di Matteo Messina Denaro, Gaspare Como. 

L'operazione Anno zero è scattata ad aprile dell'anno scorso. Portando all'attenzione ancora una volta le attività di Cosa nostra all'ombra del superlatitante di Castelvetrano Matteo Messina Denaro. L'indagine ha interessato anche il settore delle scommesse on line, facendo luce sul ruolo che nel tempo hanno avuto i cognati del boss, uno dei quali - Rosario Allegra - è deceduto nei mesi scorsi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews