Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gli ipermercati Auchan siciliani comprati da Conad
Dal 29 ottobre nuova denominazione e molti dubbi

Da una nota mandata ai fornitori, 800 dipendenti hanno scoperto che cambierà a breve la ragione sociale del loro datore di lavoro: sarà Margherita distribuzione spa. «Ma chi saranno i reali gestori in futuro?», chiede la Cgil. Tutti i sindacati sul piede di guerra

Salvo Catalano

Finora di certo c'era che i cinque ipermercati siciliani del gruppo Auchan erano stati acquisiti da Conad, nell'ambito di una fusione nazionale che darà vita alla più grande catena di grande distribuzione in Italia. Ma agli incontri a Roma tra azienda e sindacati del futuro dei centri dell'isola non si è mai parlato. Eppure qualcosa si muove: dal 29 ottobre i cinque ipermercati - due a Palermo (centro commerciale Conca d'oro e Carini), uno rispettivamente a Misterbianco, Porte di Catania e Melilli - passeranno sotto una nuova denominazione sociale: non più Auchan, neanche Conad ma Margherita distribuzione spa. Le sigle sindacali lo hanno scoperto casualmente, grazie a una lettera inviata ai fornitori. E a pretendere chiarimenti sono adesso non solo unitariamente Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, ma soprattutto gli 800 lavoratori siciliani. 

«Sappiamo solo che gli ipermercati sono stati aquistati dal gruppo Bdc (Conad al 51 per cento e l'imprenditore e finanziere Raffaele Mincione al 49, ndr), ma non sono state attuate le procedure per il passaggio di lavoratori - spiega Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil - Margherita è un'insegna già presente nel mondo Conad, dedicata ai supermercati piccoli, noi qui invece parliamo di iper». 

L'acquisto dei supermercati Auchan da parte di Conad ha previsto un primo step col passaggio di 109 negozi in tutta Italia. Ma se l'acquisizione è andata in porto, a mancare è l'intesa coi sindacati e si attende un tavolo piuttosto turbolento al ministero dello Sviluppo economico. La politica aziendale di Conad non contempla una gestione diretta dei supermercati, che invece vengono lasciati ai soci affiliati. «Chi saranno quelli che si occuperanno degli ipermercati siciliani? Di quali imprenditori locali parliamo? - chiede la segretaria Cgil - Il cambio di denominazione sociale ci fa intuire che potrebbe esserci un'accelerata in tal senso. Succede ora perché sono stati individuati gli affiliati che gestiranno questi punti vendita?».

Domande a cui a breve il nuovo colosso della grande distribuzione dovrebbe dare risposta, così come si attende chiarezza sul numero di lavoratori che verranno assorbiti e sugli eventuali esuberi. «È mortificante ricevere informazioni che coinvolgono il rapporto di lavoro dei circa 800 lavoratori siciliani - attaccano Cgil, Cisl e Uil - attraverso uno sterile e impersonale comunicato. È un atteggiamento intollerabile e offensivo. Se questo è il benvenuto che intendono dare ai lavoratori, siamo già pronti a scendere in campo per fare valere i diritti dei lavoratori e fare rispettare il diritto al confronto preventivo con le organizzazioni sindacali come previsto dal contratto nazionale applicato». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews