Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Incarico all'assessore Pierobon da una società veneta
Ruolo incompatibile, dimissioni possibili dopo la riforma

Come se non bastasse il percorso tutto in salita per la riforma dei Rifiuti, che dalla prossima settimana dovrebbe iniziare l'esame a Sala d'Ercole, ecco la nuova tegola: l'incarico dalla multiutility Etra spinge fuori dalla giunta l'assessore

Miriam Di Peri

L'assessore regionale all'Energia, Alberto Pierobon, è stato nominato negli scorsi giorni direttore generale di Etra, una società veneta a totale partecipazione pubblica che si occupa di gestione del servizio idrico integrato e gestione dei rifiuti nell'area che va dal Bassanese alla cintura urbana padovana. 

A darne notizia è stata la società stessa, che negli scorsi giorni ha riunito il Consiglio di sorveglianza e il Consiglio di gestione, arrivando alla nomina al vertice della multiutility. Ma si tratta di un incarico incompatibile col ruolo di assessore regionale, che Pierobon ricopre già in Sicilia dal febbraio 2018. La società, in una nota, annuncia anche che «il dottor Alberto Pierobon, per rispetto del ruolo e per garbo istituzionale, si riserva l’accettazione e la relativa stipula». Lasciando intendere, insomma, che l'accordo con Etra sia già cosa fatta.

Qualora Pierobon accettasse davvero l'incarico, si tratterebbe di una nuova grana per il governatore, in una fase particolarmente complicata, considerato che la prossima settimana l'Assemblea dovrebbe finalmente iniziare l'esame della tanto attesa riforma dei rifiuti, attorno alla quale si è anche sviluppato lo scontro tra Musumeci (che accusa l'Ars di lasciare le riforme nei cassetti) e Micciché (che attribuisce al governo la responsabilità di avere rallentato l'attività parlamentare con l'esame dei collegati alla Finanziaria). Senza contare il caso Arata e i frequenti contatti tra il faccendiere e l'assessore, finiti tanto al vaglio degli inquirenti, quanto sotto la lente d'ingrandimento della commissione regionale Antimafia, guidata da Claudio Fava.

Già lo scorso giugno si era verificata una situazione analoga a quella di Pierobon, con le dimissioni dell'allora assessore al TurismoSandro Pappalardo, nominato all'Enit, l'agenzia nazionale per il turismo. 

Dal canto suo, Pierobon al momento non si pronuncia, ma dal suo staff fanno sapere che «l'assessore vuole portare a termine il suo lavoro, ha un grande senso etico e si è pure innamorato della Sicilia». Che si riservi, dunque, di dimettersi dopo l'approvazione della riforma dei rifiuti che porta il suo nome? Nessuna certezza al momento, se non quella che, in una direzione o nell'altra, non potrà mantenere entrambe le cariche. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews