Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Duplice omicidio di Ucria, gli indagati salgono a cinque
Russo avrebbe difeso il cognato, obiettivo dei Contiguglia

I carabinieri hanno portato avanti le indagini su quanto successo a Ferragosto nel piccolo paese dei Nebrodi. La spedizione punitiva, guidata da Santo Contiguglia e finalizzata a colpire Daniele Balsamo, avrebbe coinvolto altri cinque parenti

Simona Arena

Sale a cinque il numero degli indagati nell’inchiesta sul duplice omicidio di Antonino e Fabrizio Contiguglia, 60 e 43 anni, avvenuto a Ferragosto a Ucria.

Dopo le indagini iniziali che hanno portato all’arresto del macellaio di Paternò Salvatore Russo - accusato di aver ucciso i due uomini, zio e nipote - gli investigatori hanno proseguito con la ricostruzione della dinamica di quanto accaduto il 15 agosto e sono riusciti a individuare le responsabilità delle altre persone coinvolte.

Nel registro degli indagati oltre a Russo, reo confesso del duplice omicidio e del tentato omicidio di Salvatore Contiguglia, risultano adesso iscritti proprio quest’ultimo, perché faceva parte della spedizione punitiva organizzata dai Contiguglia nei confronti di Russo e del cognato Daniele Balsamo, pure lui tra gli indagati, perché colpevoli di essersi impossessati in modo illegittimo di un parcheggio al centro del paesino. Gli altri indagati sono Giovanni Santino Contiguglia, 68 anni, Davide Contiguglia, 35 anni, e Vittorio Contiguglia, 55 anni. 

Balsamo - rintracciato nelle ore successive ai fatti dai carabinieri - si è trovato, insieme al cognato Russo, in mezzo alla colluttazione. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, sarebbe stato proprio Balsamo il vero obiettivo della spedizione punitiva dei Contiguglia

Le accuse agli indagati vanno a vario titolo dall’estorsione alla violenza privata, fino all’ipotesi di «morte o lesioni come conseguenza di altro reato». A carico invece del solo Vittorio Contiguglia è stato ipotizzato anche il reato di minaccia. Vittorio - padre di Fabrizio, morto durante la colluttazione con Russo - avrebbe infatti minacciato lui e il cognato di ucciderli per vendicare la morte del figlio. 

Promotore della spedizione punitiva sarebbe stato Santino Contiguglia, il capofamiglia, che per lavare l’onta del parcheggio sottratto avrebbe coinvolto gli altri Contiguglia. Come ricostruito dagli investigatori, il gruppo ha intercettato fuori dalla sua abitazione Salvatore Russo e lo ha costretto a rincasare per far uscire dall’abitazione il cognato. Quando Russo ha bussato alla porta, Balsamo ha aperto, ignaro di ritrovarsi di fronte i Contiguglia. È quindi cominciato il pestaggio, avvenuto anche sotto la minaccia di un coltello con lama da 15 centimetri, che secondo i carabinieri avrebbe impugnato Vittorio Contiguglia. 

Mentre il cognavo veniva pestato, Russo avrebbe iniziato una colluttazione sulla porta di casa, riuscendo a disarmare i Contiguglia, finendo per centrare alla testa Antonio e Fabrizio e ferire alla scapola destra Salvatore mentre cercava di allontanarsi. La più grande delle vittime, Antonino Contiguglia era pregiudicato per mafia essendo stato condannato nel 2011 al termine del processo Mare Nostrum che vide alla sbarra i principali esponenti di Cosa Nostra nell'area tirrenica e dei Nebrodi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews