Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La vicinanza dell'imprenditore Molino a Cosa nostra
Tra gli invitati al matrimonio il boss Giuseppe Gullotti

La Direzione investigativa antimafia di Messina stamani ha eseguito un sequestro da sette milioni e mezzo. Sigilli alle società Gramey e Edil Delta. All'origine del provvedimento i contatti con il clan dei barcellonesi

Simona Arena

«Il sequestro rappresenta lo sviluppo investigativo dell’altro provvedimento penale eseguito a carico di Domenico Giuseppe Molino in Gotha VII a marzo 2018. Adesso c’è anche la parte immobiliare». A parlare è il nuovo capo centro Dia Carmine Mosca che si è presentato alla stampa e ha spiegato i dettagli della misura di prevenzione eseguita oggi. I sigilli sono stati posti a due imprese edili, la Gramey srl e la Edil Delta srl, e l’intero patrimonio aziendale, 21 immobili tra Barcellona e Crotone, oltre a vari beni mobili e svariati rapporti finanziari per un importo complessivo di 7 milioni e 200 mila euro. «Aggredire i patrimoni mafiosi resta la strategia primaria per bloccare i gruppi criminali. Le due aziende che anche oggi sono finite nel sequestro erano già state oggetto di indagine - prosegue Mosca - ed erano sotto amministrazione giudiziaria. Erano state coinvolte in una estorsione finalizzata all'aggiudicazione dell’appalto per il rifacimento delle fognature di Barcellona».

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×