Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, blitz contro i Cintorino e i Brunetto: 31 arresti
Infiltrati anche nelle escursioni a mare all'Isola Bella

La Guardia di finanza, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, sta eseguendo un'ordinanza di misura cautelare tra le province di Catania e Messina contro i due clan operanti soprattutto tra Calatabiano, Giardini e Taormina. Guarda il video

Redazione

Le escursioni in mare all'Isola Bella di Taormina, un bar e un lido a Giadini Naxos. E ancora attività di acquascooter e un impresa edile. Le famiglie mafiose dei Cintorino e dei Brunetto si sono infiltrate anche in queste attività. È scattata stamattina una vasta operazione antimafia, denominata Isola Bella, nelle province di Catania e Messina, in particolare nei territori di Calatabiano e Giardini Naxos che ha portato all'arresto di 31 persone (26 in carcere e cinque ai domiciliari). Sono accusati, a vario titolo di associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsioni, trasferimento fraudolento di valori, usura, associazione finalizzata al narcotraffico, detenzione e spaccio di stupefacenti e rapina.

Su delega della locale Procura distrettuale, oltre 200 finanzieri del comando provinciale di Catania e personale della Compagnia di Taormina, con la collaborazione del Servizio centrale investigazione criminalità organizzata (S.C.I.C.O.) e del Reparto Operativo Aeronavale di Palermo, stanno eseguendo l'’ordinanza di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale etneo. 

È scattato anche il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di un patrimonio societario di pertinenza del clan Cintorino (legato al clan Cappello di Catania) e della famiglia Brunetto (legata ai Santapaola-Ercolano) del valore complessivo di oltre un milione di euro. Sigilli sono stati messi a una società di noleggio di acquascooter, un bar e un lido balneare di Giardini Naxos e una ditta attiva nel settore dei lavori edili. 

Tra i destinatari della custodia cautelare in carcere ci sono i reggenti del clan Cintorino, attivi su Catania, Calatabiano, Giardini Naxos e Taormina. Nella rete di attività economiche più redditizie controllate dai Cappello-Cintorino spicca il business delle escursioni turistiche con barche da diporto nel tratto di mare antistante l'Isola Bella di Taormina. 

I particolari dell’operazione saranno illustrati nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 10:30 odierne presso la Procura della Repubblica di Catania, alla presenza del Procuratore Distrettuale, Dott. Carmelo Zuccaro.

Elenco delle persone coinvolte nel blitz:

Bonaccorsi Pasqualino
Bonaccorsi Carmelo (arresti domiciliari)
Brucato Agnese
Calabrò Domenico
Cardillo Arianna (arresti domiciliari)
Cicirello Fortunato
Colosi Emmanuela (arresti domiciliari)
Colosi Francesca (arresti domiciliari)
D'Arrigo Giuseppe
Di Bella Gaetano
Di Stefano Rosario Pietro Paolo
Franco Luigi
Grillo Gaetano
Leo Giuseppe
Leonardi Salvatore
Macrì Silvetro
Messina Giuseppe
Moscat Mario
Muzzio Paolo
Pace Antonio
Pace Giuseppe
Pace Mario
Pistorio Francesco
Porto Carmelo
Porto Francesco
Rocco Rino Marcello
Scalora Gaetano
Sciacca Damiano
Sorrentino Emanuele
Timpanaro Giuseppe (arresti domiciliari)
Trovato Sebastiano

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.