Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agguato ad Avola, 25enne ucciso da dieci colpi di pistola
Pace aveva precedenti per atti persecutori, furti e droga

Andrea Pace è stato raggiunto dai proiettili alle spalle. I carabinieri stanno acquisendo le immagini delle telecamere di videosorveglianza. Il giovane avrebbe orbitato nell'ambiente criminale locale, in particolari frequentazioni nel mondo dello spaccio

Marta Silvestre

Il 25enne Andrea Pace è stato ucciso, in quello che sembra avere le caratteristiche di un agguato, con dieci colpi di pistola davanti alla sua abitazione, nella zona di via Neghelli, in un quartiere non distante dal centro storico di Avola. Il ragazzo stava rientrando a casa dopo una serata trascorsa insieme agli amici. Non è ancora chiaro se, ad aspettarlo, ci fosse uno o più killer. I proiettili lo hanno raggiunto alle spalle e in diverse parti del corpo ed è morto prima dell'arrivo dei soccorsi. I carabinieri stanno acquisendo le immagini delle telecamere di video-sorveglianza della zona e stanno raccogliendo le testimonianze delle persone che hanno trascorso insieme a Pace le sue ultime ore di vita. Stando a quanto emerge, il giovane avrebbe orbitato nell'ambiente della criminalità locale come bassa manovalanza, con particolari frequentazioni nel mondo dello spaccio della droga.

Andrea Pace

Disoccupato, il giovane classe 1994 era già noto alle forze dell'ordine per diversi precedenti penali. Attualmente era imputato per atti persecutori: nell'aprile del 2018, Pace era stato infatti arrestato dai militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia carabinieri di Noto. Da quando la compagna (da cui aveva avuto anche una figlia che oggi ha sei anni) lo aveva lasciato, il giovane - che non si era rassegnato alla fine della relazione - in più occasioni l'aveva raggiunta a casa spaventandola. Nella mattinata del 16 aprile 2018, Pace avrebbe inveito contro di lei prendendo a calci e pugni la porta dell'appartamento. Bloccato dai carabinieri, giunti sul posto dopo essere stati contattati dalla donna, il giovane aveva opposto resistenza per sottrarsi al controllo e aveva procurato delle lesioni a uno dei militari. In quell'occasione, era finito agli arresti domiciliari.

A novembre del 2017, invece, il giovane era stato arrestato dai carabinieri di Floridia per furto di agrumi. I militari lo avevano sorpreso nelle campagne vicino a Cavadonna con 500 chili di frutta nella sua auto. Mentre due anni prima, era stato arrestato in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Venticinque grammi di hashish erano nascosti dentro un peluche nella camera da letto del giovane, mentre altri cinque grammi di marijuana e cinque grammi di hashish erano invece sistemati su due mensole e in un cassetto della scrivania. Oltre a questo, nella stanza, i militari avevano trovato due bilancini di precisione e quattro coltellini - utilizzati per suddividere la droga - con la lama sporca

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews