Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Forza Italia, il derby Milazzo-Romano deciso a Messina
Il fattore De Luca all'ombra del patto della Madonnina

L'ambizione del sindaco a diventare presidente della Regione e l'accordo siglato con il presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè hanno inciso sulla definizione dei nuovi eurodeputati in casa forzista. Il più votato nell'Isola resta comunque Silvio Berlusconi

Salvo Catalano

Con Forza Italia in caduta libera a livello nazionale, il dato siciliano fa sorridere soprattutto il suo corodinatore regionale Gianfranco Micciché. Il partito di Berlusconi - che in questa tornata elettorale poteva contare anche sui candidati e sul sostegno dell'Udc, e sull'appoggio esterno degli autonomisti - ottiene nell'Isola il miglior risultato d'Italia. Chiude con un 16,99 per cento che gli permette di superare per un soffio il Partito democratico, ma viene superato per la prima volta dalla Lega (oltre che doppiato dal Movimento 5 stelle, ma questa ormai non è una novità). Altra buona notizia per il presidente dell'Ars è l'elezione di Giuseppe Milazzo, voluto fortemente fino a provocare la spaccatura del partito con la fuoriuscita del gruppo catanese guidato dal sindaco Salvo Pogliese. Il derby tra Milazzo e l'altro palermitano, l'ex ministro centrista Saverio Romano, lo vince il primo grazie soprattutto all'exploit ottenuto a Messina e Palermo. Nel resto dell'Isola, infatti, è Romano a prevalere o quantomeno pareggiare. 

Le buone notizie finiscono qui. L'ondata di astensionismo senza precedenti (sei siciliani su dieci non sono andati a votare, 690mila in meno rispetto alle Politiche di un anno fa, circa 300mila in meno rispetto alle Europee del 2014) miete vittime anche in Forza Italia. Eppure, un dato lascia pensare che i voti persi dal partito di Berlusconi siano transitati anche in larga parte alla Lega: nell'Isola infatti Forza Italia lascia per strada 200mila preferenze rispetto al 2018, mentre Salvini, malgrando l'astensionismo, ne guadagna esattamente altrettante, 200mila. 

Guardando ai dati dei singoli candidati, provincia per provincia, emerge come alle spalle di Silvio Berlusconi, che in Sicilia resta il più votato tra gli azzurri con 74.871 preferenze, lo scarto di Milazzo su Romano sia di appena 1.500 voti. La vittoria porta la firma dei messinesi Cateno De Luca e Dafne Musolino, con cui Micciché ha siglato un'alleanza che, nelle speranze del sindaco di Messina, dovrebbe portarlo a diventare candidato del centrodestra alla presidenza della Regione. La differenza più marcata tra Milazzo e Romano si registra infatti nel Messinese (+10mila voti). Il capogruppo di Forza Italia all'Ars stacca il rivale anche a Palermo (+7mila) e, in misura decisamente minore, a Ragusa (+300). È sostanzialmente un pareggio nelle province di Siracusa e Caltanissetta. Mentre Romano sopravanza Milazzo nettamente ad Agrigento (+9mila), Catania (+5mila) dove poteva contare sull'appoggio dei centristi Pino Firrarello, Giuseppe Castiglione, Raffaele Lombardo e Giovanni La Via, e a Enna (+1.300 voti). È lo stesso Cateno De Luca a sottolineare il fattore Messina, passando immediatamente all'incasso: «Il cosiddetto patto della Madonnina, grazie alla mediazione di Sicilia Futura, ha consentito a Giuseppe Milazzo di superare Saverio Romano, aprendo dei nuovi scenari per i prossimi assetti della giunta regionale e della presidenza dell’Anci Sicilia». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×