Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Giro di Sicilia, assolo di Brandon McNulty a Ragusa
L'americano 21enne è il nuovo leader della generale

L'ex campione del mondo juniores a cronometro beffa tutti. Tappa piena di insidie e cadute a causa della pioggia. Domani ultimo atto della corsa a tappe con il grande finale sull'Etna. Arrivo a quota 1920 al piazzale del rifugio Sapienza

Dario De Luca

L'americano 21enne Brandon McNulty (Rally UHC) vince in solitaria la terza tappa del Giro di Sicilia 2019. Il primo ad arrivare al traguardo di Ragusa è il promettente ciclista, già campione del mondo a cronometro della categoria juniores nel 2016. Oggi abile a partire alla fine della discesa e capace di raggranellare un vantaggio finale di 55 secondi. Sul podio di giornata - terzo - c'è anche il siciliano Giovanni Visconti (Neri sottoli). Secondo il norvegese Eiking Odd, convinto di avere vinto la frazione e arrivato con le braccia al cielo. McNulty è anche il nuovo leader della corsa. A lui la maglia giallo-rossa che a Palermo, arrivo della seconda tappa, era stata indossata da Manuel Belletti (Androni giocattoli). Domani il gran finale sull'Etna.

Il vincitore - «Incredibile quello che sono riuscito a fare oggi - spiega il vincitore al termine della corsa -. Domani correrò sulla difensiva per provare a difendere la maglia da leader».

La giornata - Partenza sotto la pioggia anche nella cornice di Caltanissetta. Il gruppo, con qualche defezione, si riduce a 115 corridori, scattati alle 11.53. Come prevedibile anche oggi c'è una fuga. A movimentare la corsa dal chilometro 19 ci pensano sei attaccanti: Marco Maronese (Bardiani), David Munoz (Coldeportes), Federico Burchio (D'Amico UM), Simone Sterbini (Giotti Victoria), Nicolò Salvietti (Sangemini) e Jalel Duranti (Colpack). Arrivati ai piedi della salita, quella che conduce al gran premio della montagna di Serra del Burgio, con un vantaggio di poco superiore al minuto. Un distacco sempre ampiamente controllato dal gruppo grazie al lavoro dell'Androni giocattoli. Formazione molto solida che detiene anche la maglia del leader della corsa sulle spalle di Manuel Belletti, vincitori ieri nella volata di Palermo. Da segnalare diverse cadute a causa dell'asfalto scivoloso. Le gerarchie saltano con l'azione degli uomini della Neri sottoli, compagni di squadra del siciliano Giovanni Visconti. Intenzionati a scremare il gruppo principale e capaci di imporre un ritmo importante durante tutta la salita. L'unico a provare a resistere è Sterbini, salvo poi essere ripreso. L'azione solitaria riesce a farla Fausto Masnada (Androni giocattoli), partito in progressione ai meno 24 dall'arrivo e primo a scollinare in cima. Il 25enne, originario di Bergamo, viene ripreso nel tratto in discesa dopo sette chilometri in solitaria.

Quarta tappa - Domani l'atto finale del Giro di Sicilia 2019. L'attesa è tutta per la tappa di montagna, 128 chilometri, che condurrà i corridori al rifugio Sapienza, sull'Etna. A quota 1920 metri nell'arrivo che nel 2011 ha visto vincere Alberto Contador. Nel 2018 - ma si saliva da un versante diverso - la vittoria al Giro d'Italia era andata a Jan Polanc. Dato tra i possibili favoriti nella tappa di domani. La partenza della frazione a Giardini Naxos. Gran premio della montagna a quota mille metri nel territorio del Comune di Maletto, dove i ciclisti arriveranno dopo avere percorso 54 chilometri. Subito dopo la lunga discesa fino a Paternò e la battaglia finale in montagna. 

Arrivo - 1. Brandon McNulty (Rally UHC), 2. Eiking Odd (Wanty) a 55" 3. Giovanni Visconti (Neri sottoli) a 56", 4. Federico Zurlo (Giotti Victoria) a 56", 5. Paolo Totò (Sangemini) a 56", 6. Matteo Montaguti (Androni giocattoli) a 56", 7. Jan Polanc (UAE Emirates) a 56", 8. Simone Petilli (UAE Emirates) a 56", 9. Martin Guillaume (Wanty) a 56", 10. Fausto Masnada (Androni giocattoli) a 56".

Classifica generale. 1. Brandon McNulty (Rally UHC), 2. Eiking Odd (Wanty) a 55" 3. Giovanni Visconti (Neri sottoli) a 56"

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews