Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Chi è Antonio Scavone, nuovo assessore di Musumeci
Ex sergente autonomista negli anni d'oro di Lombardo

Una carriera costruita nel mondo della Sanità. «Antoniuzzo» è l'amico di una vita dell'ex politico autonomista. Più volte coinvolto in vicende giudiziarie è stato assessore comunale e senatore. Per l'ultima l'esperienza nella quarta gamba di Denis Verdini

Dario De Luca

Una carriera politica divisa tra il mondo della sanità e la venerazione per la colomba del Movimento per le autonomie e il suo fondatore Raffaele Lombardo. Quella di Antonio Scavone è un'ascesa che sembra non conoscere limiti. Cominciata da giovanissimo, sotto l'effige della Democrazia cristiana, e che oggi aggiunge un nuovo tassello con l'incarico ad assessore alla Famiglia nella squadra del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. Gli anni d'oro, però, sono quelli passati accanto a Lombardo, di cui «Antoniuzzo», come ama chiamarlo l'ex governatore, è stato braccio destro. Potendo vantare con lui una conoscenza iniziata, addirittura, nelle aule dell'università. 

Il palazzo che ha segnato il potere del nuovo assessore è quello di via Santa Maria La Grande, sede dell'Azienda sanitaria provinciale 3 di Catania. In cui Scavone, oggi 62enne, ha rivestito il ruolo di direttore generale dal 2005 al 2009. Oltre a essere stato primario di Radiologia all'ospedale Garibaldi, dove lavora attualmente. Nel biennio 1992-1993 arriva l'esordio nella politica che conta sull'asse Roma-Catania. Con la Democrazia cristiana diventa deputato in parlamento, mentre nel capoluogo etneo tenta la corsa a Palazzo degli elefanti non riuscendo ad andare al ballottaggio. In municipio ci entrerà comunque ma deve aspettare dieci anni. Nel 2003 è Umberto Scapagnini, allora medico personale di Silvio Berlusconi, a nominarlo assessore con delega al Personale. Intanto Lombardo si accomoda a palazzo Minoriti come presidente della provincia di Catania, grazie a un plebiscito di voti. Sia Scavone che Lombardo fanno già parte dell'Udc di Calogero Mannino e Totò Cuffaro. Ultimi mesi prima della fondazione del Movimento per l'autonomia, datata 30 aprile 2005.

Con il centrodestra Scavone diventa senatore nel 2013. L'iscrizione alla lista del Popolo delle Libertà è soltanto un gioco elettorale e, una volta arrivato a Roma, passa al gruppo Grandi autonomie libertà. Cinque anni da inquilino a palazzo Madama con in mezzo la decisione di aderire alla cosiddetta quarta gamba ideata da Denis Verdini. Poi rivelatasi fondamentale per tenere in vita il governo di Matteo Renzi. Con Paolo Gentiloni il sostegno al centrosinistra si interrompe, rientrando sul piano regionale e comunale con Nello Musumeci e Salvo Pogliese

Del nuovo assessore alla Famiglia si è però parlato - e scritto - molto per le vicissitudini giudiziarie. Una lunga parabola fatta di intercettazioni, inchieste e una condanna della Corte dei conti. L'ultima vicenda è quella dell'appalto per l'informatizzazione del Pta di Giarre. Fatti risalenti al 2010, quando Lombardo era già stato eletto a presidente della Regione e Scavone era ai vertici dell'Asp 3. Finito a processo, insieme al marito dell'ex senatrice Anna Finocchiaro, per truffa e abuso d'ufficio, è stato assolto definitivamente

Qualche anno prima, nel 2008, il nome di Scavone finisce in un lungo elenco di indagati per il buco di bilancio al Comune di Catania ma la vicenda giudiziaria si rivela un clamoroso buco nell'acqua. Il 31 gennaio 2014 per l'ex braccio destro di Lombardo arriva l'assoluzione anche nel processo per gli incarichi all'Azienda sanitaria provinciale. Scavone finisce alla sbarra per abuso d'ufficio e i giudici, nonostante non sia stato accertato il reato, non risparmiano dure critiche al suo operato nelle motivazioni della sentenza. Esito diverso davanti ai giudici contabili con la condanna, per lui e per l'ex direttore amministrativo Maurizio Lanza, per danno erariale a un risarcimento da quasi 400mila euro. Il diretto interessato si è però sempre difeso, affermando di «avere scelto i migliori esperti della pubblica amministrazione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×