Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pd, il segretario Faraone replica a Nicola Zingaretti
«Gente che sconosce la Sicilia e ci fa la lezioncina»

Il candidato alla segreteria nazionale aveva detto che l'elezione di Faraone era stata un vulnus. Oggi la risposta del senatore renziano: «Da una vita combattiamo contro i notabili delle tessere siciliane che chiedono al papà romano di turno di sculacciarmi»

Redazione

«Da una vita combattiamo contro i notabili delle tessere siciliane che chiedono al papà romano di turno di sculacciare l'insubordinato Faraone in Sicilia. Sapete quanti emissari, grigi burocrati hanno fatto venir giù per dirci, "questo non potere farlo", "questo non potete dirlo"...». Il segretario del Pd Sicilia e senatore, Davide Faraone, risponde così su Facebook alle parole di Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria nazionale, ieri a Catania.

«Gente che sconosce il Sud, la Sicilia, che magari si è fatto qui solo una vacanza, che viene in astronave, ci fa la lezioncina e poi torna nella sua comoda poltrona romana. Abbiamo sempre deciso di andare avanti senza di loro, spesso scontrandoci. Non cambierò certo a 43 anni - prosegue Faraone -. Fra meno di tre settimane monteremo i gazebo in tutta la Sicilia per scegliere il segretario nazionale del Pd. Sono felice quando si dà la parola ai cittadini, quando non si ha paura della partecipazione e quando si dice, "vinca il migliore". In Sicilia, due mesi fa, questa festa è stata rovinata. Abbiamo dovuto smontare i gazebo all'ultimo momento, sono rimasto solo in campo. Il candidato che doveva misurarsi alle primarie è scappato. Perché? Avrebbe perso. Molto più semplice rivolgersi al "paparino" romano che chiedere ai siciliani il consenso. Anch'io ho perso tante volte, ma non mi sono mai sottratto ad una partita che non ho avuto il coraggio di giocare». 

Ieri Zingaretti, alla domanda se, qualora venisse eletto, riconoscerà Faraone segretario regionale, aveva risposto: «Quello che è accaduto qui è un vulnus che divide - spiega - in un modo o nell'altro bisognerà tornare a una riapertura di un dibattito per ristabilire dei processi democratici di selezione della classe politica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×