Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Autorità Bacino, ok a regolamento ma mancano fondi
Alla polizia idraulica il compito di sorvegliare i fiumi

Il Consiglio di giustizia amministrativa ha dato il via libera agli undici articoli che disciplinano il nuovo dipartimento regionale. Una novità introdotta l'anno scorso dal governo Musumeci che, però, risente dei tagli previsti al bilancio

Simone Olivelli

Foto di: Sanaz Alishahi

Foto di: Sanaz Alishahi

Poco meno di un centinaio di dipendenti - selezionati tra quelli già in servizio alla Regione -, una sede a Palermo e un'altra decentrata a Catania, l'istituzione della polizia idraulica e una serie di obiettivi da raggiungere per recuperare il tempo perduto e prendere il controllo di ciò che accade dentro e attorno agli argini dei corsi d'acqua che attraversano la Sicilia. Sono alcuni degli aspetti inseriti nel regolamento attuativo dell'Autorità di bacino, approvato una settimana fa dalla giunta Musumeci. Si tratta di undici articoli che hanno superato il vaglio del Consiglio di giustizia amministrativa. Il testo rappresenta la base su cui si articolerà l'attività del nuovo dipartimento che fa capo direttamente alla presidenza. Alla guida ci sarà un segretario generale nominato dalla giunta. Ruolo della durata di cinque anni che, fin qui, è stato svolto da Salvo Cocina, il dirigente generale del dipartimento Acque e Rifiuti.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×