Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, De Luca manda in ferie 700 dipendenti
«Se Stato non interviene, ex provincia in default»

Il sindaco ha disposto che da lunedì 700 delle 840 unità di personale rimangano a casa. Un atto di forza contro il prelievo forzoso che ha contribuito a creare uno squilibrio di 12 milioni. A rischio dissesto ci sono anche le ex province di Catania, Enna, Messina e Trapani

Simona Arena

Prima l’annuncio di chiusura della città metropolitana per fallimento e lo stop alle attività finanziarie dell’Ente. Adesso la conferma che da lunedì 11 saranno messi in ferie oltre 700 dipendenti, sugli 840 che compongono l’organico della ex provincia. I restanti 140 resteranno in servizio per garantire i servizi essenziali quali la Protezione Civile e parte della Polizia metropolitana. Un atto di forza quello del sindaco metropolitano Cateno De Luca nei confronti di Stato e Regione.

«Si tratta di una situazione paradossale – ha dichiarato il primo cittadino – determinata dal meccanismo diabolico del prelievo forzoso attuato per contribuire al risanamento del debito pubblico ed in cui l’esclusivo creditore è lo Stato. Oggi ci ritroviamo uno squilibrio di 12 milioni di euro per l’anno 2018 che rischia di far saltare circa 300 milioni di euro di investimenti. Non dimentichiamo che la Città Metropolitana non è soltanto il soggetto attuatore del Masterplan a titolarità dei vari Comuni della provincia, ma è anche il soggetto principale dei progetti di propria titolarità. Qualora la situazione dovesse perdurare - ha concluso - il passo inevitabile sarà quello della dichiarazione di dissesto, atto che verrà concretizzato entro il mese di febbraio». 

Se entro il 1 marzo le cose non cambieranno, De Luca ha annunciato di essere pronto a barricarsi all’interno di Palazzo dei Leoni e a iniziare uno sciopero della fame. Prima, però, consegnerà nelle mani del Prefetto la fascia di sindaco metropolitano. Previsto inoltre un corteo di protesta di tutti i sindaci dei comuni messinesi. Lunedì 11 alle 10, De Luca ha indetto conferenza stampa davanti all’ingresso di palazzo dei Leoni e ha invitato i dipendenti messi in ferie a non presentarsi perché «procederò personalmente, con l’ausilio della polizia metropolitana, ad accompagnarli fuori dalla porta», spiega.

Sulla vicenda sono intervenuti il segretario generale della Funzione Pubblica Cgil, Francesco Fucile, e il segretario generale della Uil Fpl, Giuseppe Calapai, poco dopo aver incontrato la Prefetta Maria Carmela Librizzi: «Gli atti approvati da De Luca sono presuntivamente illegittimi, se non addirittura illegali. Ravvisiamo dei profili di interruzione di pubblico servizio e vanno immediatamente revocati. Ci riserviamo – hanno spiegato – di porre in essere tutte le azioni possibili a tutela dei lavoratori ma anche dei cittadini, considerando che le decisioni assunte rischiano di mettere a repentaglio attività di fondamentale importanza per l’intera comunità».

Intanto ieri sera la Camera dei deputati ha approvato un ordine del giorno concordato e presentato dall’onorevole di Forza Italia Matilde Siracusano per salvare dal dissesto le nove ex province siciliane. «Con la legge della Regione siciliana 4 agosto 2015, n. 15, le ex province regionali sono state trasformate in liberi consorzi comunali e città metropolitane - spiega la Siracusano - ma questo importante e storico processo di riforma non ha ricevuto alcun sostegno finanziario da parte del governo nazionale. Anzi è stato caratterizzato negli anni da un crescente prelievo forzoso, attraverso il contributo alla finanza pubblica, che di fatto ha cancellato ogni autonomia finanziaria, assorbendo lo Stato ogni entrata tributaria delle ex province nel proprio bilancio». Un sistema che nei liberi consorzi e nelle città metropolitane siciliane ha causato un forte disavanzo. «L’ex provincia di Siracusa, per esempio, - prosegue la parlamentare di Forza Italia - ha già dichiarato il dissesto e almeno altre quattro ex province (Catania, Enna, Messina, Trapani) si apprestano a dichiararlo nel corso del 2019». 

Al governo viene chiesto di «concedere alle ex province la facoltà di predisporre il solo bilancio annuale e di rendere disponibili gli avanzi liberi e destinati per il mantenimento dell’equilibrio finanziario». Anche l’assessore regionale alla Funzione Pubblica Bernadette Grasso ritiene che «accettando questa proposta, il governo possa risolvere la situazione. Il presidente Nello Musumeci ha fatto quanto in suo potere per sostenere le città metropolitane e i liberi consorzi. Adesso è il momento che entri in azione la politica del dialogo e non quella dello scontro e della provocazione. Lo Stato doveva essere più attento ed evitare di arrivare a questa situazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×