Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Diciotti, Salvini chiede al Senato di negare il processo
«Ho fatto interessi pubblici contrastando immigrazione»

Il ministro ribadisce di non volersi sottrarre al procedimento giudiziario, ma al Corriere della sera afferma che Palazzo Madama non dovrebbe dare l'autorizzazione a portarlo in tribunale per il caso della nave bloccata ad agosto a Catania

Simone Olivelli

«Dopo aver riflettuto a lungo su tutta la vicenda, ritengo che l’autorizzazione a procedere debba essere negata». Alla vigilia dell'esame da parte della giunta per le autorizzazioni del Senato, Matteo Salvini chiede ai colleghi di palazzo Madama di votare no alla richiesta, arrivata dal tribunale dei ministri, di processarlo per la vicenda Diciotti, la nave della guardia costiera rimasta ferma per più giorni al porto di Catania, lo scorso agosto, con a bordo con 177 migranti. Una storia che in questi giorni si sta ripetendo con la Sea watch, la nave della ong che sosta al largo delle coste siracusane, senza avere l'autorizzazione allo sbarco per esplicita volontà del governo che continua a chiedere agli altri Paesi europei di farsi carico dei migranti. 

Salvini ha espresso la propria richiesta sul Corriere della sera. Un lungo intervento in cui il ministro - dopo avere sottolineato di avere «contrastato l'immigrazione clandestina e difeso i confini nazionali», con annessi risparmi utilizzati per l'assunzione di forze dell'ordine - ribadisce una formula già usata nei giorni scorsi: «Non intendo sottrarmi al giudizio». La frase, tuttavia, viene bilanciata dalle considerazioni che Salvini fa seguire e che portano, come detto, alla conclusione per cui il Senato non dovrebbe dare il via libera al processo. «I giudici mi accusano di aver violato la legge imponendo lo stop allo sbarco, in virtù del mio ruolo di ministro dell’Interno. In altre parole, è una decisione che non sarebbe stata possibile se non avessi rivestito il ruolo di responsabile del Viminale - scrive -. Per questa ragione sono impropri paragoni con altre vicende». Salvini va avanti ricordando che il Senato nega l'autorizzazione quando reputa che l'azione incriminata sia stata compiuta nell'interesse dello Stato o il perseguimento di un preminente interesse pubblico. «Il contrasto all’immigrazione clandestina corrisponde a un preminente interesse pubblico, posto a fondamento di precise disposizioni e riconosciuto dal diritto dell’Unione europea», sottolinea Salvini, che poi precisa anche di avere rispettato gli accordi presi con gli elettori prima delle Politiche.

Le parole del ministro arrivano dopo che il Movimento 5 stelle, per bocca di Luigi Di Maio, si è detto intenzionato a votare , pur essendo pronto a difendere all'interno del processo l'operato di Salvini. Intanto, il Pd attacco l'appello del leader della Lega. «Sequestrare persone in mare o in un porto non ha nulla a che fare con l'interesse pubblico. È contro la Costituzione. Salvini gioca allo sceriffo, si sente sopra la legge, ma poi vuole lo scudo del Senato. Si difenda nel processo e non dal processo», dichiara Maurizio Martina

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×