Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa: estorsioni, droga e armi per agevolare i clan
Le indagini scattate dopo spari in un cantiere ad Avola

I carabinieri hanno arrestato dieci persone. Il gruppo criminale, nel giugno del 2017, aveva anche dato fuoco ai veicoli della ditta che gestisce la raccolta differenziata nel comune di Rosolini per ottenere assunzioni. Guarda le foto

Marta Silvestre

Smantellato un gruppo criminale dedito alle estorsioni e allo spaccio di sostanze stupefacenti aggravati dall'avere agito con la finalità di agevolare la mafia. Le dieci persone arrestate questa mattina dai carabinieri di Noto nell'ambito dell'operazione Eclipse, su delega della direzione distrettuale antimafia di Catania, avrebbero beneficiato infatti di legami di parentela e affinità con affiliati al clan Trigila di Noto e al clan Crapula di Avola

Corrado Vaccarella

Giuseppe Tiralongo

Paolo Nastasi

Gianluca Vaccarisi

Corrado Lazzaro

Giovanni Di Maria

Concetta Cavarra

Monica Campisi

Giuseppe Bianca

Sebastiano Amore

I dieci sono accusati a vario titolo di estorsione, danneggiamento a seguito incendio, associazione finalizzata al commercio, trasporto, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione, porto e cessione di armi clandestine. Le indagini sono scattate nel febbraio 2017 dopo l'esplosione di colpi di arma da fuoco in un cantiere edile ad Avola, un episodio che all'epoca non era stato denunciato. 

I carabinieri hanno individuato i responsabili scoprendo l'esistenza di un gruppo criminale che operava nella zona sud della provincia. Da alcune dichiarazioni di persone offese o informate sui fatti, da intercettazioni telefoniche e ambientali e dalle riprese di telecamere, gli investigatori hanno scoperto che il gruppo criminale aveva dato fuoco, il 3 giugno 2017, ai veicoli della ditta incaricata della raccolta differenziata dei rifiuti del comune di Rosolini, G.V. Ecologia di Guglielmino Vincenzo, arrestato e imputato per mafia e recentemente deceduto, per ottenere alcune assunzioni. L'azienda a sua volta è stata oggetto di interdittiva antimafia ed è tuttora sottoposta ad amministrazione giudiziaria. 

Tra i dieci arrestati anche due donne che avrebbero svolto il loro ruolo facendo le veci dei lori mariti che, dal carcere durante i colloqui familiari, fornivano le disposizioni. Monica Campisi, che all'interno del gruppo criminale avrebbe avuto un ruolo apicale, è la figlia di Antonino Campisi detto Toninu u Scoppio - condannato definitivamente all'ergastolo e in carcere dal 1993 perché autore di diversi omicidi e ritenuto affiliato al clan Trigilia - ed è anche la coniuge di Giuseppe Capozio in carcere per la tentata estorsione con attentato incendiario al cantiere edile per la costruzione di una clinica alle porte di Avola. Concetta Cavarra è la moglie di Paolo Zuppardo, detenuto anche lui per lo stesso episodio.

Nell'ambito delle indagini, i militari inoltre, hanno sequestrato due chili di droga tra marijuana, hashish e cocaina, un fucile da caccia calibro 12 e una pistola calibro 7,65 entrambe clandestine. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, dopo la notifica dell’ordinanza di custodia cautelare sono stati condotti nei carceri Bicocca di Catania e Cavadonna di Siracusa a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Gli arrestati:

Sebastiano Amore, detto Jano bum bum (37 anni)
Giuseppe Bianca, detto Jano (34 anni)
Monica Campisi (31 anni)
Concetta Cavarra (33 anni)
Giovanni Di Maria, detto Gallina (30 anni)
Corrado Lazzaro (32 anni)
Paolo Nastasi (36 anni)
Giuseppe Tralongo, detto Peppe Sobà (31 anni)
Corrado Vaccarella, detto Stucciu (24 anni)
Gianluca Vaccarisi, detto Luca Pappaconi (34 anni)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×