Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, arriva l'accordo sulle variazioni di Bilancio
Fondi per i Comuni in dissesto, i precari e i Pip

La lunga notte della Commissione Bilancio per trovare la quadra attorno alla manovrina di variazione, che precede l'approdo in Assemblea di Bilancio e la Legge di stabilità. Al Comune di Catania andranno 8 milioni, due alla ex Provincia di Siracusa

Miriam Di Peri

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Una sessione fiume per trovare l’accordo in Commissione Bilancio con le opposizioni, ma soprattutto all’interno della coalizione di governo, lacerata da settimane di scontri, che si sono tradotti in continue bocciature dei provvedimenti del governo in Assemblea. La seduta della Commissione ha preso il via in serata per protrarsi fino alle 6.30 del mattino. Oggi, nel pomeriggio, il ddl sulle variazioni di bilancio approderà a Sala d’Ercole per essere incardinato e discusso, verosimilmente, all’inizio della prossima settimana.

Dopo le critiche mosse ieri da Pd e 5 stelle, ecco che nel ddl è stato previsto un fondo per i Comuni in dissesto, piuttosto che un singolo provvedimento per il Comune di Catania, che pure richiede un intervento specifico per pagare gli stipendi. Così i dieci milioni inizialmente stanziati per il Comune di Catania sono stati ridimensionati a otto, mentre due milioni serviranno a pagare gli stipendi dei dipendenti della ex Provincia di Siracusa. Gli ulteriori 10 milioni del fondo saranno ripartiti, in relazione al numero di abitanti, per il 20 per cento alle ex Province e per l’80 per cento ai Comuni in dissesto.

Secondo il capogruppo di Forza Italia, Giuseppe Milazzo, «non c’è stato nessun accordo in Commissione. Ci sono stati, forse per la prima volta nella storia di questo Parlamento, il capogruppo di maggioranza, il governo e il presidente della Commissione Bilancio che hanno ascoltato gli interventi di tutti, coalizione e opposizione». Una risposta, seppur indiretta, al mini-contratto di governo proposto da Giancarlo Cancelleri a Musumeci. Quasi a dire «ascoltiamo tutti, non firmiamo contratti con nessuno».

E a conferma del sotteso non troppo velato, Milazzo aggiunge che «abbiamo fatto tesoro delle cose che abbiamo sentito, dai lavoratori dell’Esa ai Consorzi di bonifica, fino ai Comuni in predissesto. Abbiamo raccolto queste cose e abbiamo dato mandato di reperire più risorse per rispondere quanto più possibile a tutte queste esigenze. C’è tanto da fare, c’è tanta disperazione e tanto bisogno. Non potevamo risolvere tutti i problemi in una variazione di bilancio che utilizza risorse non impegnate. Ben altra cosa è la prossima finanziaria che assume, proprio perché la faremo entro l’anno, carattere strategico per la pubblica amministrazione».

Uno dei maggiori terreni di scontro era quello legato ai 20 milioni che in un primo momento erano stati ricavati dai fondi per la disabilità e sui quali il governo ha poi fatto retromarcia. Tecnicamente, spiega adesso Milazzo, «non soltanto abbiamo verificato nel cosiddetto display della Ragioneria generale della Regione quali impegni erano depositati, ma la stessa Ragioneria ha chiamato personalmente i direttori generali per sapere dove c’erano già impegni di spesa e dove, invece, si potevano liberare economie. Così abbiamo liberato altri 20 milioni di euro e li abbiamo messi in circolo per coprire gli stipendi. Nessuno resta fuori ad eccezione dei lavoratori delle Ipab, per i quali il governo si è impegnato a portare in Aula un provvedimento tampone».

Certo, molto altro resta ancora da fare. «Ma abbiamo garantito - sottolinea ancora il capogruppo forzista - che perfezioneremo il nostro intervento in fase di finanziaria perché questa volta la legge di stabilità non sarà approvata a maggio, ma a fine anno». Insomma, l’Assemblea, almeno nelle intenzioni della coalizione, dovrebbe esaminare subito dopo le variazioni anche il Bilancio e la legge di stabilità «per definire e perfezionare i percorsi nelle variazioni, dal Comune di Catania al Libero Consorzio di Siracusa, fino ai consorzi di bonifica, i forestali, i Pip. Abbiamo mantenuto in vita norma sulla Rei (il reddito d’inclusione) e in legge di stabilità raddoppieremo lo stanziamento per garantire stabilità alle fasce più deboli».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email