Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, avvistato bruco molto raro sull'isola
Dà vita alla falena de Il silenzio degli innocenti

A ritrovare il colorato animale è stato il cantautore Giacomo Sferlazzo. «All'inizio mi sembrava un giocattolo, poi ho visto che si muoveva», racconta a MeridioNews. Dell'insetto si parla in studi scientifici, nella letteratura e nel cinema. Guarda il video

Marta Silvestre

Foto di: Giacomo Sferrazzo

Foto di: Giacomo Sferrazzo

«Stavo lavorando nella campagna di mio padre quando l'ho visto. All'inizio mi è sembrato un giocattolo di plastica poi, invece, ho visto che si muoveva e strisciava sulla terra». È questo il primo approccio che il cantautore di Lampedusa Giacomo Sferlazzo ha avuto con un particolare animale, l'Acherontia atropos. Un lepidottero diffuso soprattutto in Eurasia e in Africa, e chiamato più comunemente Sfinge testa di morto per via della macchia bianca con due puntini neri che ha sul torace che ricordano un teschio.

«Vivo qui da sempre ma non avevo mai visto un insetto simile. Spinto dalla curiosità - racconta Giacomo a MeridioNews - l'ho preso delicatamente e l'ho adagiato su un tavolo per poterlo osservare un po' da vicino e fare qualche foto e un video. Subito dopo, l'ho riportato esattamente dove lo avevo trovato per lasciarlo di nuovo libero nel suo ambiente». Lungo circa venti centimetri, l'insetot ha sfumature che vanno dal verde chiaro a quello scuro e fino ad alcune tonalità di blu con striature colorate e piccoli puntini scuri sul dorso

«La sua presenza a Lampedusa era già stata notata in passato e riportata in una nota del 2011», spiega Gabriella Lo Verde, entomologa dell'università di Palermo. Nel documento Segnalazioni di lepidotteri eteroceri per le isole circumsiciliane, in effetti, si fa riferimento alla presenza dell'Acherontia atropos a Ustica nel 1888, a Pantelleria nel 1995 poi, più di recente, anche a Lampedusa e Linosa. «Sia in primavera che in autunno, più numerosa in settembre e con maggiore frequenza a Linosa, ove non era stata segnalata in precedenza», si legge nella nota a cura di Andrea Corso.

«Sono stato contento di avere avuto questo incontro ravvicinato con un bruco bellissimo e così colorato - dice il cantautore - So purtroppo che per le superstizioni popolari la falena che poi si sviluppa ha una reputazione piuttosto negativa perché viene associata al mistero e al macabro». Probabilmente per la macchia a forma di testa sul torace, la falena ha ispirato rimandi al mondo soprannaturale e del maligno. Secondo alcune tradizioni, sarebbe portatrice di sfortuna, gravi disgrazie e addirittura morte nelle case in cui vola. In letteratura è stata protagonista del racconto di Edgar Allan Poe La Sfinge ma a renderla famosa è stato il libro di Thomas Harris Il silenzio degli innocenti e ancora di più l'omonimo film. «Al di là delle superstizioni e della letteratura che lo descrivono in modo piuttosto negativo e ne hanno fatto un simbolo di malaugurio - conclude Sferrrazzo - io l'ho trovato molto bello e, per le sue sembianze, anche simpatico».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email