Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Crescono i cittadini stranieri residenti in Sicilia
Nel Ragusano percentuale più alta di minorenni

«Bisogna fare luce sull'immigrazione sulla base di conoscenze obiettive e non sul sentito dire, al di fuori di ogni strumentalità», è questo il messaggio di fondo dei dati presentati dal nuovo report di Migrantes. In ogni provincia, circa la metà sono donne

Danilo Daquino

Foto di: sweetlouise

Foto di: sweetlouise

In Sicilia, i cittadini stranieri sono 193.014, di cui 101.099 uomini e 91.915 donne. Sono i numeri che emergono dallo studio dell’ufficio Migrantes Messina-Lipari-San Filippo del Mela, che ha elaborato i dati Istat disponibili fino al primo gennaio del 2018, illustrati e approfonditi nel corso del convegno Immigrazione: paura e diffidenza o un'opportunità? tenutosi sabato scorso al museo diocesano di Catania. «Una tendenza in crescita dei residenti stranieri, rispetto ai numeri registrati nel 2017, con valori comunque contenuti», dicono i curatori del rapporto. «Don Giacomo Alberione (fondatore dei Paolini, ndr) diceva di fare a tutti la "carità della verità" - ha ricordato don Piero Galvano, direttore della Caritas di Catania - Bisogna fare luce sull'immigrazione sulla base di conoscenze obiettive e non sul sentito dire, al di fuori di ogni strumentalità».

Il rapporto illustra i cittadini stranieri residenti per ogni provincia nell’Isola suddivisi in base alla loro provenienza. Nel capoluogo siciliano, risiedono 36.381 stranieri, pari al 2,9 per cento della popolazione totale. Il numero più basso si registra in provincia di Enna, con 3.754 stranieri, il 2,3 per cento della popolazione. Nel Catanese, invece, sono oltre 36mila, il 3,2 per cento del totale: la presenza più alta è nel comune di Catania, nel quale risiedono 13.544 immigrati, con una provenienza marcata dallo Sri Lanka (2.581). Sempre in provincia, il numero più basso di stranieri si registra a Palagonia, dove se ne contano 629. Al secondo posto, c’è invece Caltagirone, con 1.544 immigrati, seguita da Giarre con 1.504, Acireale con 1.438, Misterbianco con 1.171, Paternò, con 998, e ancora Grammichele con 918 stranieri, Ramacca con 667 e Belpasso, dove ne risiedono 657. 

Per quanto riguarda le altre province siciliane, nel Ragusano si registra la più alta percentuale di minori stranieri: il 21,9 per cento, su un totale di 28.827 immigrati, pari al 9 per cento della popolazione. Poi c’è Messina con 28.681 cittadini stranieri (4,5 per cento); 19.828 nel Trapanese (4,6 per cento); 15.728 in provincia di Siracusa (3,9 per cento); 15.262 nell’Agrigentino (3,5 per cento); 8.544 a Caltanissetta, pari al 3,2 per cento della popolazione. 

Buona parte, più o meno la metà per ogni provincia, sono donne: la presenza più alta nel Messinese, dove se ne registra il 53,6 percento. La più bassa, il 40,9 per cento, nel Trapanese. Stando ai dati, su 193.014 persone straniere residenti nella Regione, ben 56.978 provengono dalla Romania: la più ampia presenza nei vari capoluoghi, fatta eccezione per Ragusa dove la prima nazionalità straniera presente nel territorio è quella tunisina - la seconda per numero di presenze nella Regione - seguita da Marocco (15.055 persone), Sri Lanka (13.547), Albania (8.598), Bangladesh (8.232), Cina (7.440), Polonia (5.333), Filippine (5.315) e infine 4.066 dalla Nigeria

Nel rapporto Caritas-Migrantes, trova spazio anche la lista dei porti maggiormente interessati dagli sbarchi nell’ultimo triennio. Ad Augusta, dal 2016 al 15 novembre 2018, sono avvenuti 44.960 sbarchi, di cui solo 2.478 quest’anno, contro i 16.858 del 2017. A Catania, il totale è di 36.630, di cui 2.961; a Pozzallo sono 34.231 dove, invece, da inizio 2018 al 15 novembre sono avvenuti 3.554 sbarchi. Il totale a Trapani ammonta a 23.865, con 1.661 da gennaio a metà novembre; 23.839 a Lampedusa, con 3.225 nel 2018; Messina, dove gli sbarchi sono 23.232, di cui 2.394 quest’anno e infine Palermo con un totale di 22.709 sbarchi, solo 809 da gennaio 2018. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×