Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Processo ai Santapaola di Messina, 19 condanne
Quindici anni a Vincenzo Romeo, nipote di Nitto

Si è chiuso con sole due assoluzioni il procedimento giudiziario, con rito abbreviato, nei confronti di 21 persone ritenute legate alla famiglia Santapaola-Ercolano di Catania. Pena più alta a Vincenzo Romeo, nipote di Nitto Santapaola

Simona Arena

Si è chiuso con 19 condanne e due assoluzioni il processo per i 21 imputati che avevano scelto il rito abbreviato. Una sentenza che adesso cristallizza l’esistenza di una cellula mafiosa di Cosa nostra attiva a Messina. Il gup Carmine De Rose ha inflitto la pena più alta a Vincenzo Romeo, nipote di Nitto Santapaola, considerato il vertice del gruppo. È stato condannato a 15 anni, 2 mesi e 20 giorni di reclusione. Undici gli anni inflitti a Benedetto Romeo; dieci anni, otto mesi e 20 giorni per Pasquale Romeo, stessa pena per Marco Daidone. Dieci anni e dieci mesi ad Antonio Romeo; sei anni e quattro mesi, più alta rispetto a quanto aveva richiesto la procura, per il pentito milazzese Biagio Grasso

Tre anni e sei mesi a Lorenzo Mazzullo; due anni, un mese e dieci giorni per Gianluca Romeo; un anno, dieci mesi e 20 giorni per Giovanni Bevilacqua; un anno, nove mesi e dieci giorni e pena sospesa per Caterina Di Pietro, Giorgio Piluso e Maurizio Romeo. E poi ancora un anno, cinque mesi e dieci giorni a Salvatore Lipari; un anno, quattro mesi e 20 giorni ad Antonio Lipari; un anno e quattro mesi a Mauro Guarnieri; sei mesi a Giuseppe Verde, Nunzio e Fabio Laganà; e infine tre mesi ad Antonio Rizzo. Assolti Francesco Altieri e Giovambattista Croce.

Il blitz dei carabinieri del Ros a luglio del 2017 portò all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 30 persone. Secondo la Dda, che aveva chiesto pene tra i 28 e i due anni, a Messina si era radicata una cellula nata da Cosa nostra catanese, che sarebbe stata collegata al clan Santapaola-Ercolano di Catania e che sarebbe stata in grado di avvalersi di professionisti, imprenditori, titolari di società, funzionari pubblici per gestire gli interessi economici illeciti. Una mafia «pulita, ricchissima e impunita, posta nel salotto bene della città», come era stata descritta in quei giorni.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×