Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Marsala, mangiò mandragora e morì
Condannati i due venditori ambulanti

Anna Laura Maria Mistretta è morta nel novembre del 2015 dopo aver cotto e mangiato la verdura scambiata per borragine. Adesso, la condanna per i commercianti arriva per omicidio colposo in corcorso

Redazione

Foto di: superEva

Foto di: superEva

Non era borragine, ma la velenosa mandragora, quella che il 10 novembre 2015 due ambulanti di Marsala vendettero a una donna di 78 anni, Anna Laura Maria Mistretta, originaria di Mazara del Vallo, che dopo avere cotto e mangiato, la stessa sera, quella verdura si sentì male e due giorni dopo morì, per intossicazione, all'ospedale Paolo Borsellino

Per questo, adesso, i due venditori ambulanti sono stati condannati, per omicidio colposo in concorso, a un anno e quattro mesi di carcere dal gup di Marsala Riccardo Alcamo. I due condannati sono i marsalesi Salvatore Aramu, di 59 anni, e Pasquale Zizzo, di 29. La pena (che poteva essere più severa senza lo sconto di un terzo dovuto al rito abbreviato) è stata dichiarata "sospesa" per Zizzo, ma non per Aramu, che ha un precedente penale. 

Ma rischia anche Zizzo. Per lui, infatti, la sospensione della pena è condizionata al pagamento alle tre parti civili (i tre figli della vittima), rappresentate dall'avvocato Ignazio Bilardello, di 50mila euro ciascuno a titolo di risarcimento danni "provvisionale". In tutto, quindi, i due venditori ambulanti condannati dovranno versare, in solido, 150mila euro.  

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×