Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sistema Montante, Romano chiede revoca dei domiciliari

Redazione

L'imprenditore di Caltanissetta Massimo Romano, 55 anni, titolare di una catena di supermercati, ha chiesto al Tribunale del riesame la revoca degli arresti domiciliari. 

Romano è indagato per associazione a delinquere nell'inchiesta "Double face" insieme ad Antonello Montante e avrebbe favorito le assunzioni di amici e parenti di alcuni esponenti delle forze dell'ordine legati allo stesso Montante. A chiedere la revoca dei domiciliari sono stati gli avvocati difensori Dino Milazzo e Sergio Monaco; secondo la difesa Romano aveva contestato fin dall'aprile 2015 l'operato di Montante tanto da essersi dimesso sia da Confindustria che dalla presidenza del Confidi. 

Romano, inoltre, aveva reso due interrogatori davanti ai pm di Caltanissetta dichiarando che l'allora senatore Giuseppe Lumia voleva convincerlo a denunciare un'estorsione, perché se non lo avesse fatto sarebbe stato un "neo" nel percorso di legalità. E di questa richiesta avanzata dall'allora parlamentare del Pd, Romano ne aveva parlato anche al telefono con l'ex assessore regionale Marco Venturi, conversazione che venne intercettata ed è contenuta nell'ordinanza dell'inchiesta "Double face". I giudici decideranno entro domani.

(Fonte: Ansa)

Leggi il dossier sul sistema Montante

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×