Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sistema Montante, il finanziamento illecito a Crocetta
«Antonello disse che pagavano tutti», il ruolo di Lumia

«Montante mi dice due cose: che avrei dovuto prendere i soldi e portarli a casa di Crocetta a Tusa, e gli avevano dato ognuno circa duecentomila euro». Così Marco Venturi, grande accusatore dell'ex numero uno di Confindustria Sicilia. Parole a cui la polizia ha trovato conferme, facendo scattare i nuovi avvisi di garanzia

Salvo Catalano

«Montante mi dice due cose: che avrei dovuto prendere i soldi e portarli a casa di Crocetta a Tusa, poi mi disse che pagavano tutti: che Turco aveva pagato, che Navarra aveva pagato, Amarù e Giuseppe Catanzaro avevano dato dei soldi in nero a Crocetta per la campagna elettorale, gli avevano dato a Crocetta ognuno circa duecentomila euro. Le taglie erano queste... e ddà c'era l'appalto alla sanità... l'autru c'era a munnizza, chissi eranu i programmi quindi le taglie erano queste». Finanziamento illecito a Rosario Crocetta per un milione di euro. Il cuore delle accuse che ieri la squadra mobile di Caltanissetta ha notificato all'ex governatore e al gruppo dirigente di Confindustria Sicilia stava già nell'ordinanza di oltre 2.500 pagine che ha portato lunedì all'arresto di Antonello Montante. A parlare, intercettati, sono Marco Venturi e Alfonso Cicero, rispettivamente ex assessore alle Attività produttive e ex presidente dell'Irsap, un tempo vicini all'imprenditore di Serradifalco, poi suoi grandi accusatori. A quelle parole gli investigatori avrebbero trovato altre conferme. «Non sarebbero partiti gli avvisi di garanzia senza concreti riscontri», fanno notare da ambienti investigativi. 

Evidenze che avrebbero dunque confermato il contenuto di quel prezioso dialogo: coincidono i nomi e le cifre. Giuseppe Catanzaro, attuale presidente di Confindustria Sicilia e proprietario di una delle più grande discariche siciliane, quella di Siculiana; Rosario Amarù, gelese, attuale presidente di Confindustria Centro Sicilia; Carmelo Turco, pure lui di Gela, delegato dell'associazione nei rapporti con i petrolchimici e titolare della Turco Costruzioni; Totò Navarra, titolare della Pfe, che conta circa mille dipendenti nel settore delle pulizie e recentemente ha raccontato la sua storia da self made man in un libro, My name is Totò. Sono loro, guidati da Montante, che avrebbero finanziato in nero la campagna elettorale di Crocetta nel 2012. Ricevendo in cambio, è la tesi della Procura nissena, varie utilità in appalti. Turco e Amarù avrebbero ottenuto illecitamente appalti negli stabilimenti Eni tramite Crocetta e Montante. Catanzaro, sempre secondo i pm, avrebbe ottenuto appalti nel settore rifiuti attraverso Crocetta. Navarra avrebbe ottenuto illecitamente appalti nel settore delle pulizie in enti pubblici attraverso l'ex presidente della Regione. L'aggravante, per Montante, è di aver diretto, promosso e organizzato l'associazione. Le accuse riguardano presunti reati compiuti dal 2010 al 2017. Il gruppo di Confindustria avrebbe avuta garantita l'occupazione dell'assessorato alle Attività produttive, prima con Linda Vancheri e poi con Mariella Lo Bello, entrambe molto vicine a Montante. Per Vancheri i reati contestati vanno dal 2010 fino a luglio 2015; per Lo Bello e Maria Grazia Brandara (ex presidente Irsap) dal novembre 2015 al 2017.

Venturi denuncia come pure a lui sarebbe arrivata la richiesta di erogare una somma in favore del governatore gelese. E a introdurre il discorso sarebbe stato Giuseppe Lumia (che non risulta indagato e che su questo passaggio ha annunciato querele), ex parlamentare del Pd, e principale sponsor politico di Montante. «Venne nella mia azienda di Caltanissetta - si legge nelle intercettazioni tra Cicero e Venturi - subito dopo esserci salutati, lasciandomi intendere che il motivo era di un sostegno economico per la campagna elettorale, mi chiamava al telefono per dirmi che sarebbe venuta a trovarmi la segretaria di Crocetta per venirmi a parlare intorno all'ora di pranzo dello stesso giorno». La ricostruzione continua, Cicero e Venturi ripercorrono nei dettagli cosa avvenne quel giorno perché intendono mettere tutto nero su bianco, ai fini della presentazione di una denuncia. «Mi veniva a trovare nella mia azienda la suddetta segretaria che mi chiedeva di dare un contributo di ventimila euro a Crocetta per la sua campagna elettorale, di consegnarli a lei, puntualizzando che te li poteva dare anche in nero». Venturi però rifiuta. Un no per il quale, alcuni giorni dopo, sarebbe stato ripreso da Montante. Quest'ultimo lo avrebbe quindi sollecitato, spiegandogli che invece lui e altri suoi colleghi imprenditori avevano accettato e stavano sostenendo Crocetta. 

Tutti i soggetti indagati sono stati invitati a comparire per essere interrogati: sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al finanziamento illecito ai partiti, corruzione e abuso d'ufficio. Resta il mistero su un video compromettente su Crocetta di cui Montante sarebbe stato in possesso e che avrebbe utilizzato durante il mandato dell'ex governatore per tenerlo sotto scacco. File di cui si sarebbe parlato ma che la squadra mobile non ha mai trovato. 

Tuttavia questa forma di dossieraggio torna in altri due casi raccontati nell'ordinanza di arresto. Il primo riguarda l'ex assessore Nicolò Marino. Montante sarebbe entrato in possesso di un video scabroso sulla sua vita privata, che aveva espresso critiche su Confindustria, e si sarebbe adoperato per diffonderlo. Stesso trattamento sarebbe stato riservato a Giulio Cusumano, che era al vertice dell'Azienda trasporti siciliana (Ast), controllata dalla Regione. Il manager si oppose alla fusione dell'Ast con una microazienda controllata, la Jonica Trasporti dove Montante aveva una partecipazione, «temendo - si legge nell'ordinanza - che ciò avrebbe potuto comportare che, in caso di futura privatizzazione dell'azienda (della quale già si cominciava a parlare), il socio privato avrebbe potuto vantare un diritto di prelazione che gli avrebbe consentito di acquistare facilmente l'Ast e così incamerare il notevole patrimonio immobiliare di cui la stessa dispone». Cusumano ha denunciato quindi di aver ricevuto forti pressioni dall'allora presidente Raffaele Lombardo al fine di dimettersi e sarebbe stato ricattato per il suo orientamento sessuale, sempre sulla base della presunta esistenza di un video compromettente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×