Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Processo Eligia Ardita, interrogato marito della vittima
«Fu il mio legale a suggerirmi di confessare omicidio»

Christian Leonardi, l'unico imputato nel procedimento sulla morte dell'infermiera siracusana trovata cadavere la sera del 19 gennaio 2015 nella sua casa a Siracusa, ha risposto per sei ore alle domande di pm e avvocati. Fra indecisioni e «non ricordo», ha ribadito quanto scritto nel memoriale depositato durante la prima udienza

Marta Silvestre

«Confessai l'omicidio dietro suggerimento del mio avvocato di allora, Aldo Scuderi, che mi disse che era l'unico modo per non passare in carcere tutta la vita». È questa la tesi che ha sostenuto in aula Christian Leonardi, il marito dell'infermiera siracusana uccisa la sera del 19 gennaio 2015 nella sua casa di via Calatabiano, nel quartiere Santa Panagia di Siracusa. Insieme a Giulia, la bambina che portava in grembo e che sarebbe dovuta nascere il mese successivo. Lui, unico imputato per omicidio al processo in corte d'Assise, è stato interrogato per oltre sei ore dal pubblico ministero Fabio Scavone, dagli avvocati delle parti civili e anche dai legali della difesa. 

«Gli abbiamo contestato tutto il verbale del memoriale che aveva depositato durante la prima udienza del processo - spiega a MeridioNews l'avvocato Francesco Villardita - in occasione della quale Leonardi aveva ritrattato la precedente confessione dell'omicidio della moglie fatta il 19 settembre del 2015». Ancora una volta, l'ex guardia giurata ha negato tutto ribadendo «di essere stato costretto dal suo legale rappresentante che gli avrebbe prospettato l'autoaccusa e la totale presa di responsabilità come unica via d'uscita». In particolare, su specifica domanda dell'avvocato di parte civile Villardita, Leonardi ha anche aggiunto che sarebbe stato l'avvocato Scuderi a suggerire come spiegare le modalità e le dinamiche con cui avrebbe compiuto il delitto. «Una versione che non sta né in cielo né in terra», afferma il legale.

Fra incertezze e «non ricordo», Leonardi ha ricostruito la propria versione dei fatti - discordante rispetto a quella fornita da altri testimoni già ascoltati, come i familiari dell'infermiera e i sanitari del 118 - partendo dal racconto della sera di quel 19 gennaio di tre anni fa. Dal momento della cena con i genitori di Eligia, passando per la camomilla sorseggiata a letto, fino ad arrivare ai rantoli della donna che lo avrebbero svegliato, dopo che si era già addormentato davanti alla televisione. Rumori che lo avrebbero messo in allarme tanto da chiamare i soccorsi. Molti i punti della vicenda su cui il pm e i legali hanno cercato di fare chiarezza: dalla posizione in cui fu ritrovato il corpo di Eligia al ritardo con cui Leonardi arrivò il giorno della tumulazione a causa di operazioni da effettuare in banca. L'esame dell'imputato riprenderà mercoledì 18 aprile. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews